indifferenza: il peggiore dei mali

Ricordo qualche settimana fa un vecchietto aggredito dall’autista dell’autobus da cui era poco prima sceso(scena fortunatamente ripresa dalle telecamere di sicurezza di una banca) che crolla a terra senza potersi più muovere. Dei passanti inizialmente lo ignorano, intervengono un paio di persone che lo rialzano e poi incredibilmente lo adagiano nuovamente a terra perchè l’autobus che devono prendere sta partendo..capite? Lasciano una persona anziana, in condizioni critiche a terra perchè hanno fretta! L’indifferenza, la freddezza nei confronti del dolore altrui, della sofferenza mi fa paura, mi spaventa più della violenza.Questo tipo di atteggiamento è un segnale della china pericolosa che sta prendendo la nostra società.  Io mi chiedo e chiedo a te allora da cosa nasca questa cinica indifferenza e freddezza? Possibile che l’essere umano si sia così “disumanizzato”? Eppure ci sono ancora dei sussulti solidali della nostra società che è capace di attivarsi in particolare di fronte a tragedie di vasta portata (vedi Haiti ed Aquila).
Gramsci scrive: “Odio gli indifferenti. Credo che vivere voglia dire essere partigiani. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. L’indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti“. L’indifferenza è un male oscuro che divora l’umanità, che spiazza, che divora la società civile. Ti chiedo pensi che l’indifferenza nasca dalla diffidenza o dalla paura? Quale parte di responsabilità pensi abbiano i media in questo atteggiamento?
Nonostante tutto ho fiducia nell’essere umano e credo che questa non sia la sua natura. Credo che gli altri abbiano bisogno dell’esempio, dell’ispirazione. Facciamo il nostro, apriamo il cuore e contagiamo gli altri.
Credo che ci sia una ricetta semplice per sconfiggere l’indifferenza: amare.
E concludo con le parole di Elie Wiesel, premio Nobel per la pace 1986:
“Sono molte le atrocità nel mondo e moltissimi  i pericoli:
Ma di una cosa sono certo: il male peggiore è l’indifferenza.
Il contrario dell’amore non è l’odio, ma l’indifferenza;
il contrario della vita non è la morte, ma l’indifferenza;
il contrario dell’intelligenza non è la stupidità, ma l’indifferenza.
E’ contro di essa che bisogna combattere con tutte
le proprie forze.
E per farlo un’arma esiste: l’educazione.
Bisogna praticarla. diffonderla, condividerla, esercitarla
sempre e dovunque.
Non arrendersi mai”.
Luigi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.