IL VOLONTARIATO INTERROGA LA POLITICA REGIONALE

Movità 11-2008 del 2 aprile

Vista l’impossibilità di organizzare un momento pubblico di confronto, a causa della campagna elettorale corta e delle agende dei politici già troppo piene di impegni, il MoVI presenta e diffonde il documento “Il volontariato interroga la Politica regionale”, per ogni utile confronto in questa coda di campagna elettorale. Infine, dopo le elezioni, si impegna a promuovere un dialogo con la futura giunta regionale, per dare seguito a quanto proposto, insieme agli altri organismi del volontariato.
Il testo fa tesoro dell’importante percorso di riflessione e confronto realizzato lo scorso anno dal volontariato regionale, avviato con la Conferenza Regionale del Volontariato del 23 marzo a Palmanova, organizzata dal MoVI in collaborazione con il Comitato Regionale del Volontariato e il Centro Servizi per il Volontariato e conclusosi con l’Assemblea delle Associazioni di Volontariato celebrata a Gorizia nel mese di giugno.

I temi salienti del documento:

  • Il testo auspica una nuova Politica regionale insieme al volontariato: partendo dalla necessità di riformare la legge regionale del volontariato, si auspica che venga riconosciuto l’esistenza di un nuovo volontariato, soggetto attivo di sussidiarietà e protagonista dello sviluppo delle comunità locali. Per questo si chiede un organismo autonomo di rappresentanza dei volontari e una maggiore integrazione tra le varie politiche che riguardano il volontariato e la partecipazione (protezione civile, cultura, internazionale, socio-sanitario ecc.): il volontariato propone un assessorato alla partecipazione e al volontariato che diventi motore  e regista di questa nuova Politica.
  • Il volontariato chiede che si prosegua con decisione nell’attuazione del principio di Sussidiarietà, per colmare la distanza, che continua ad aumentare, tra cittadini e Politica, tornando ad una visione alta ed etica delle istituzioni e dell’impegno per il bene comune.  Deve proseguire il cammino di riforma delle istituzioni, introducendo al fianco delle modalità tradizionali di governo, spazi e percorsi di partecipazione e collaborazione tra cittadini e istituzioni in tutti gli ambiti per i quali l’apporto della società civile è auspicabile.
  • Il volontariato, nell’affermare il valore delle recenti riforme del sistema di protezione sociale, chiede che, facendo tesoro dell’esperienza di questi primi anni, si definiscano procedure e criteri più chiari per governare il sistema e per rinforzare lo strumento del Piano di Zona come effettivo piano regolatore di riferimento per tutte le politiche riguardanti lo sviluppo dei territori. Deve essere superata un’eccessiva frammentazione dei finanziamenti che restano “esterni” alla cornice del Piano di Zona. Nel processo di riorganizzazione delle ASS si deve garantire un effettivo potenziamento degli ambiti locali per evitare un ulteriore allontanamento dei servizi dalla persona e dalla rete territoriale.
  • In chiusura il documento lancia un appello a che la riflessione Politica si apra sempre più ai temi della mondialità e della giustizia planetaria perché non è possibile costruire un futuro di pace se non mettiamo mano ai molti meccanismi che continuano a generare squilibri e impoverimento in tutto il pianeta. Si chiede che vengano recepite le istanze uscite nell’ultimo Forum Regionale sulla Cooperazione, dove i  volontari hanno elaborato linee valide per lo sviluppo di questo settore della solidarietà e, come gesto concreto, si propone che la Regione e le istituzioni adottino criteri etici nella scelta dei fornitori e delle sponsorizzazioni, sulla base di molte esperienze consolidate a livello nazionale.

Leggendo i programmi elettorali, preoccupa il continuo riferimento ai contributi al volontariato come unico modo di incentivarlo: “di soldi il volontariato può morire” ci ricorda, sempre profetico, mons. Giovanni Nervo. Il volontariato ha bisogno soprattutto di essere riconosciuto e ascoltato, di sedi per dialogare e crescere insieme con istituzioni e servizi, di un quadro istituzionale chiaro e credibile, di politiche di promozione del volontariato basate su progettualità condivise, di sostegni concreti alle proprie attività liberi da ricatti e logiche utilitaristiche.

Preoccupa i volontari l’assenza nei programmi di una visione della sussidiarietà che vada oltre i meri aspetti organizzativi e ne riconosca invece l’apporto innovativo in termini di un nuovo modo di gestire la cosa pubblica insieme ai cittadini. Se la sussidiarietà è solo esternalizzazione ai privati o patto per la sicurezza, viene meno la portata originale del nuovo articolo 118 della costituzione.

Permane nei programmi una forte confusione tra volontariato e terzo settore: se si continuano a confondere il volontariato e la partecipazione disinteressata dei cittadini con altre realtà del privato sociale se ne svilisce la specificità e non si aiutano a crescere ne queste ne quello.

Il MoVI del FVG

Scarica il comunicato stampa completo
Scarica il documento

Puoi leggere un’estratto dei programmi dei due candidati alla guida della regione nel nostro Forum, dove, se lo desideri, puoi lasciare (iscrivendoti) un tuo commento.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.