Il volontariato per Serena e Desiree

“Caro diario oggi sono qui per raccontarti qualcosa sul volontariato.
Non sono mai stata una ragazza troppo aperta a nuove esperienze, sono sempre rimasta chiusa nella mia piccola bolla, in disparte da tutto.
Poi un giorno a scuola, abbiamo iniziato un nuovo percorso “Prove tecniche di volontariato”, nessuno ancora sapeva bene in cosa consistesse, nessuno sapeva cosa aspettarsi e forse per mancato interesse iniziale, nessuno si era realmente informato a riguardo.
Il percorso inizia, varie lezioni che nel loro piccolo ti immergono piano piano in questo mondo. Tutto ciò di cui avevamo sentito parlare si sarebbe trasformato in realtà pratica, infatti l’ultimo passo di questo percorso era scegliere una realtà di Volontariato in cui fare esperienza.
Fortunatamente si poteva fare a coppie, per una timida che ha paura delle cose nuove, è stata una manna dal cielo. Così io ed una mia amica abbiamo deciso di conoscere la realtà del Centro di Aggregazione di San Vito di Fagagna. Un centro dove il giovedì pomeriggio, si trovavano tutti gli anziani del Comune per socializzare, giocare a carte, giocare a tombola e svolgere varie attività proposte dalle volontarie. Tutto accompagnato da una buonissima merenda in compagnia.
Spesso mi è stato chiesto, perché tra tutte le realtà io avessi scelto proprio gli anziani. La risposta è molto semplice, ho pensato a mia nonna, ho pensato a quanto farebbe bene anche a lei un centro di aggregazione nel Comune, un centro dove socializzare e non stare sempre sola a casa. Ho scelto gli anziani perché sono speciali, nel loro piccolo sono molto speciali. Hanno un vissuto da raccontare, una storia da cui si può imparare tante cose, storie da cui puoi trarre sempre frasi semplici, ma che ti possono rivoluzionare il pensiero, ti fanno aprire gli occhi su nuovi orizzonti.
Tirando le somme, è stata una bellissima esperienza che ho avuto l’opportunità di rivivere l’anno successivo. Ed è stato proprio bello ed emozionante tornare dopo 1 anno e vedere che le volontarie, anch’esse un po’ anziane, avevano ancora nel portafoglio il mio numero di telefono, quasi fosse destino.
Purtroppo, causa Covid, questa attività si è fermata e mi dispiace davvero tanto, perché ho incontrato le volontarie poco tempo fa, ed erano un sacco preoccupate per gli anziani. Si incontrano al mercato, o dal panettiere, si chiamano e si ricordano di ogni compleanno, però non è la stessa cosa.

La scuola, tra le poche cose buone che mi ha lasciato, è stata proprio la mia opportunità di fare alternanza scuola lavoro al Mo.V.I. di San Daniele, dove ho conosciuto “La Casa del Volontariato”. Mi si è aperto un mondo davvero grande, che poi ho avuto la fortuna di conoscere meglio iscrivendomi al bando di Servizio Civile Universale, sempre qui al Mo.V.I.

Questa nuova esperienza è iniziata a Maggio 2021 e in questi 6 mesi ho conosciuto alcune realtà che prima non conoscevo.
Ora faccio volontariato in due realtà diverse.
Banca Geniale del Riuso è una piccola attività di volontariato sociale a Rive D’Arcano, dove le persone possono portare vestiti, oggetti, elettrodomestici tutti in buono stato e possono prendere tutto ciò che trovano di loro interesse, dando una piccola offerta. Insomma una piccola attività di volontariato che mira al riutilizzo delle cose, perché fa bene al mondo e perché c’è sicuramente gente che ritiene interessante e utile ciò che per noi magari è spazzatura.
Phoenix Danz, invece, è tutt’altra cosa. Ogni lunedì e mercoledì, do una mano ad un’insegnante di danza durante le sue lezioni con le bambine di 3 anni. Un’esperienza unica, vedere queste piccole ballerine che si scatenano, i loro sorrisi e i loro balletti spontanei. Una gioia per i miei occhi e per il mio cuore.

In questo Servizio Civile sto facendo cose che mai avrei pensato di fare, per una persona timida come me, il semplice usare il telefono è un miracolo per cui ci vuole una preparazione di mesi e mesi di allenamento e memoria per dire un solo “Pronto sono Serena del Mo.V.I.”.
Fortunatamente non sono da sola, ho conosciuto delle persone davvero uniche che con le loro particolarità, rendono questo percorso unico e indimenticabile.

Ammetto però che nonostante tutto ciò, faccio ancora fatica a rispondere alla domanda “Cos’è per te il volontariato?”, perché secondo me non c’è una corretta definizione e risposta per ciò, secondo me il Volontariato è un grandissimo insieme di cose, amore, volontà, disponibilità, solidarietà, compagnia, benessere, felicità e l’elenco potrebbe continuare.
So solo che il Volontariato, se fatto bene e fatto con amore, fa bene a tutti, a chi lo fa e a chi lo riceve.
Serena

E questo è il volontariato secondo Desiree

Cos’è il volontariato per noi volontari?
Ormai sono 5 anni che sono nel mondo del volontariato, e posso dire di avere visto molte realtà: anziani, disabili e bambini; tutti con una storia da raccontare.
I primi due anni del volontariato li ho trascorsi in casa di riposo, un mondo pieno di storie, era bello trascorrere i pomeriggi in maniera differente, ad ascoltare storie di generazioni passate, a giocare a tombola e perché no anche a ridere e a conoscersi. Magari i ragazzi della mia età in quel momento erano a casa a studiare o a passare il tempo con gli amici, ma devo dire che ho preferito dedicare le mie ore agli altri, mi hanno sicuramente insegnato e aperto la mente in maniera maggiore rispetto a quello che poteva fare un libro; perché si sa la storia raccontata da chi l’ha vissuta sarà sempre più interessante di un libro con una serie di date.
Dopo gli anziani nel mio mondo sono entrate anche altre figure come i bambini che, tra risate urla e schiamazzi, mi hanno insegnato a ritornare bambina, a prendere tutto con leggerezza e con il sorriso. Attualmente svolgo attività di volontariato presso l’Orto Borto di Ragogna, ogni sabato per quattro incontri vengono circa 10 bambini e insieme ci occupiamo dell’orto; impariamo a piantare, seminare e a prenderci cura di ciò che ci circonda.
Per completare il mio percorso di volontariato ho deciso di fare il servizio civile universale, un’esperienza che tutti i giovani dovrebbero fare. Questa esperienza ti permetterà di conoscere varie persone, ad esempio un’occasione è stata la formazione dove ci è stato permesso di conoscere altri ragazzi del servizio civile. Abbiamo potuto raccogliere le loro esperienze e integrarle con le nostre.
Se una persona mi fermasse per strada e mi chiedesse cos’è per me il volontariato non saprei bene cosa rispondere, per me il volontariato è vedere gli altri felici, non c’è soddisfazione più grande di vedere gente contenta che quando passi ti salutano con un grande sorriso, che hanno voglia di tornare a vivere. Non importa se svolgi un’attività con bambini, anziani, persone con disabilità, persone che subiscono denigrazioni quello lo scegli tu! La cosa di cui il mondo ha bisogno è vedere le persone felici, spensierate e con la voglia di rivivere e al momento l’unica cosa che l’ha permesso è stato il volontariato.
E tu? Hai mai fatto volontariato? Se no, cosa aspetti? Il mondo ha bisogno di rivivere e tu sei la persona giusta che potrebbe contribuire.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.