Io, una donna

25 Novembre è una giornata molto importante, per tutti, uomini e donne, bambini e anziani. È una giornata che riguarda tutti noi, direttamente e indirettamente. Spesso ci sarà capitato di sentire qualcuno parlare di violenza domestica, di violenza fisica o mentale nei confronti del proprio partner. Spesso si, ma quasi mai denunciato.La vittima per prima intimorita dal compagno, non denuncerà. Ma i numeri sono tanti, troppo alti. Il 31,5% delle donne dai 16 ai 70 anni ha subito violenze, si tratta di 6 milioni 788 mila donne. 4 milioni 353 mila hanno subito violenza fisica, 4 milioni 520 mila hanno subito violenza sessuale, 652 mila sono state stuprate e 746 mila sono state vittime di un tentativo di stupro.Numeri agghiaccianti, sopratutto se guardiamo il soggetto che compie questi reati.
Nel 5,2% dei casi l’aguzzino è l’attuale partner, si tratta di 855 mila casi. Nel 18,9% dei casi si tratta dell’ex partner della vittima, 2 milioni 44 mila.
L’uomo che ami, l’uomo che ti ha amata che mette fine alla tua vita, che ti picchia, che ti fa del male. L’uomo che avrebbe dovuto proteggerti dai mali del mondo, dai cattivi, dai mostri…ma poi scopri che il mostro è proprio lui.
Ti crolla il mondo addosso, ti senti in colpa perché in fondo se fa così “è sicuramente colpa mia, ho fatto sicuramente qualcosa di sbagliato”. Ma non è mai colpa della vittima, qualsiasi cosa essa possa aver fatto, non merita la violenza, la morte. Nessuno è così importante e divino da poter decidere sulla vita altrui.
La violenza sulle donne è sempre stato un argomento che ha riempito di notizie giornali e telegiornali, sempre più ragazze e donne, sempre di più. I numeri aumentano sempre di più, sembrano non fermarsi mai. Tutta questa rabbia, questa voglia di vendetta senza senso. Tutta questa rabbia non ha fine.
Nel 2020, causa lockdown, le chiamate al numero 1522 (Numero anti-violenza e anti-stalking) sono aumentate del 79,5% rispetto al 2019. Inutile dire che la quarantena forzata per tutti, non ha fatto bene del tutto.
La pandemia è stata ed è, una bruttissima esperienza che purtroppo dobbiamo vivere, ma per certe persone lo è stata ancora di più, chi ha preso il Covid e chi invece ha preso solo più botte, ha guadagnato più lividi e più lavaggi del cervello.
Sono una ragazza di 21 anni e fortunatamente non ho mai subito violenze di nessun genere.
Ma ho paura, lo ammetto. Paura di indossare una gonna o un vestitino, non si sa mai cosa possa scaturire, un commento o un gesto non desiderato. Paura di trovarmi da sola per strada, di notte o di giorno. Paura di un mondo dove una mia futura figlia vivrà, socializzerà, si innamorerà.
Nadia Orlando, è purtroppo una delle ultime vittime di violenza della zona, un caso sentito da tutti, una ragazza alla mano, strappata da questa vita per mano dell’uomo che amava, ma che voleva ormai allontanare. Un rifiuto, una relazione arrivata al termine, le ha tolto la vita.
Eppure basterebbe così poco cari miei uomini, basterebbe così poco per evitare tutte queste morti e violenze. Basterebbe usare il cervello e il cuore, una relazione finita non è la fine del mondo.
Più di questo non ho molto altro da dire, non so cosa spinga un uomo a fare questo gesto, non capirò mai cosa scatta nella mente di un uomo nell’esatto momento in cui toglie la vita, picchia o manipola la sua donna, sua figlia, sua madre, sua sorella…non lo capirò mai e non lo accetterò mai.
Dobbiamo assolutamente cambiare questa società, dobbiamo punire severamente queste violenze, con la speranza che con l’avanzare degli anni, non ci siano più episodi simili, sperando che i numeri utili ricevano sempre meno chiamate.
Un sogno troppo grande?
Non credo.
Io, una donna.

Serena Menardi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.