Il volontariato tra identità, memoria, radicamento, rappresentanza e dimensione politica

Movità 39-2009 del 18 novembre

Per le OdV italiane, soprattutto per quelle più coinvolte nella gestione di servizi, sembra esserci un’unica strada da percorrere per superare l’effetto boomerang connesso alle trasformazioni organizzative subite o in atto: quella di resistere alla deriva che le spinge verso il mercato o verso le istituzioni, rimettendo al centro la dimensione politica e le pratiche di radicamento sociale. Riteniamo che le possibilità effettive di muoversi entro questa prospettiva dipendano in modo decisivo da due fattori: gli orientamenti dei leader delle organizzazioni, la qualità e il contenuto dei legami tra i volontari.
La necessità di recuperare e valorizzare la prospettiva del radicamento nel territorio è ancora più evidente, se si tengono presenti i caratteri che la questione sociale va assumendo nel nostro Paese. I bisogni della gente si vanno sempre più scomponendo, ed esigono pertanto sempre “nuovi relazionamenti” (Donati 1996). La condizione dei poveri è marcata non solo e non tanto da esigenze di natura economica, ma soprattutto da bisogni relazionali (Ranci 2002; 2004b). Se questa lettura è fondata, è innegabile la necessità che il lavoro nel territorio assuma come orizzonte quello di contribuire alla tessitura di relazioni significative, dense di senso, là dove il tessuto sociale si presenta più sfilacciato.


Dalla relazione di Giorgio Marcello (università della Calabria) all’assemblea del MoVI.
Scarica la relazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.