Imparare insegnando

L’anno scolastico è ormai quasi finito portando con sé anche quest’emozionante esperienza: un amico per i compiti. Un amico per i compiti è un’attività organizzata dal MoVI (movimento volontariato italiano) e gestita da ragazzi di età tra i 16 e 20 anni per aiutare i bambini delle elementari nello svolgere i compiti per casa.

Il numero dei volontari quest’anno è stato molto alto; eravamo circa in tredici ragazzi. Ovviamente non siamo né degli educatori né degli insegnati e questo poteva creare dei problemi, in quanto i bambini avrebbero potuto considerarci come loro pari e quindi non prenderci sul serio, ma devo ammettere che questo non è mai successo. Ogni volta che i bambini avevano bisogno di qualcosa, chiedevano senza esitazioni, contenti della nostra disponibilità.

Ogni settimana avevano luogo quattro appuntamenti pomeridiani per un totale di otto ore. Nel pomeriggio ci trovavamo nel salone dell’ex centro per anziani insieme ad un numero di bambini che variava dai tre ai sei anni e si iniziava a lavorare. Dopo qualche settimana si era già creato un bellissimo rapporto tra di noi e la presenza dello stesso numero, tra volontari e bambini, ha permesso di dedicare il tempo sufficiente a tutti. A seconda delle giornate potevano esserci tanti o pochi compiti ma anche in quest’ultimo caso il tempo passava velocemente; non c’è mai stato un momento vuoto. Dopo i compiti, infatti, giocavano tutti insieme a tombola o a nascondino, facevamo dei disegni o semplicemente chiacchieravamo. A scuola i bambini imparano seduti composti sui banchi seguendo annoiati la lezione, ad amico per i compiti questo non avviene perché le due ore si basano sul concreto dialogo e sull’organizzazione comune dei compiti.

 

Per me questo è stato il primo anno e lo rifarei senza esitare un attimo. Aiutare i bambini è sicuramente un’esperienza che insegna molto. Noi volontari abbiamo avuto il compito di seguire questi piccoli ragazzi, anche se spesso erano loro a insegnarci qualcosa sia dal punto di vista affettivo ma anche da quello formativo. Più volte mi è capitato di ripassare nozioni che erano i bambini a spiegare. Quello che sicuramente mi resta di quest’incredibile esperienza di volontariato è il sorriso sul volto dei bambini quando arrivavano nel pomeriggio; il loro viso sereno e allegro trasmetteva la fiducia e il piacere di stare con noi.

Un amico per i compiti è un’esperienza irripetibile e unica. Stare a stretto contatto con dei bambini ti fa capire molte cose e ti arricchisce sempre un po’ di più. Anche quando la giornata non era andata nel migliore dei modi, andare ad amico per i compiti rendeva tutto più allegro perché ci faceva sentire parte di qualcosa e soprattutto utili a qualcuno. Ho chiesto ad altri volontari di raccontare quest’esperienza con tre parole e tutti l’hanno descritta come divertente, formativa e stupenda anche se un po’ impegnativa. Un amico per i compiti non vuol dire solo dare una mano negli esercizi ma vuole offrire un modello educativo. Insegnare significa letteralmente lasciare un segno e spero che noi ragazzi, nel nostro piccolo, ne abbiamo lasciato uno ai nostri nuovi “amici”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.