IN SALITA VERSO NATALE

Movità 29-2011 del 8 dicembre

Il nuovo governo ha presentato il suo programma: come previsto dalle regole della nostra democrazia adesso dovrà essere validato ed eventualmente emendato dal parlamento, organo a cui noi, ricordiamocelo, abbiamo delegato il compito di rappresentarci per decidere quali siano le scelte migliori per il bene nostro e per il bene di tutti.
Per inciso non è affatto scontato che il “bene mio” sia anche il “bene comune” come non è scontato che il “bene dell’Italia” sia il “bene del mondo”.
Noi volontari siamo di quelli che credono e testimoniano, con il proprio impegno quotidiano, che tra queste cose non c’è distinzione. Anzi: ci arrischiamo a ipotizzare che o il “bene è comune” o alla lunga non è neppure un bene per il singolo, per la “parte”.
Se ci pensate bene questa affermazione è un vero e proprio programma politico. Noi lo incarniamo nell’azione locale, dove siamo “radicati”. Cominciamo però a pensare che sia anche una buona soluzione, forse l’unica strada possibile, per trovare una vera soluzione alla crisi.
In sostanza si tratta di affermare, davanti all’evidenza dell’insostenibilità di alcuni importanti aspetti del sistema in cui viviamo (impoverimento crescente, cambiamento climatico, esaurimento delle risorse, rischio dell’esplosione delle tensioni sociali), che la soluzione non è difendere il mio livello di benessere contro gli altri che potrebbero metterlo in discussione. Questo sia che gli altri siamo i singoli, gruppi sociali, o altri popoli.

Strada in salita … non ci illudiamo. Bisogna mettere in discussione il modello culturale che ha dominato questi anni cercando di convincerci che l’egoismo sia il vero motore della crescita economica e del progresso proponendo, come modello etico e vincente, il “fatti i fatti tuoi”.

Di questo si discute anche in parlamento: troveranno la migliore strada per tutti?

La redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.