INTERNET FRA OPPORTUNITÀ’ E RISCHI

Vista la capillarità con cui internet è presente nelle nostre vite, imparare ad utilizzare correttamente tale strumento di connessione è oggi un imperativo ineludibile.
Durante il mio servizio civile ho potuto riflettere sui rischi che un utilizzo improprio di tale mezzo può far incorrere. Si tratta di una vera e propria arma contro gli altri ma anche contro noi stessi.
Con troppa facilità consegniamo al mare magnum di internet informazioni personali di cui poi, nostro malgrado, perdiamo il controllo. Dare tante notizie, immagini, status di noi stessi ci rende più vicini perché più connessi, ma anche infinitamente più vulnerabili.
La vicinanza anche solo virtuale con il mondo ci rende esposti a tutto ciò che nel mondo c’è di deviante e pericoloso. Ho sempre pensato che, ad esempio, pubblicare foto di minori sui vari social network fosse estremamente rischioso. Se a tale scelta si aggiunge anche la possibilità di localizzare (anche solo tramite piccole tracce involontarie lasciate sullo sfondo) dove tale minore vive ci si espone a un livello di pericolo ignoto estremamente alto. In una società basata sull’immagine anche il genitore più attento può incappare in un errore simile. Questo è solo un esempio banale di come la vita possa cambiare drammaticamente per una scelta azzardata e non ponderata.
Spesso non abbiamo cognizione di quanto trasmettiamo a un pubblico indefinito riguardo alle nostre vite, pensiamo che ci sia un diaframma, un’ intangibile lontananza fra ciò che siamo e quello che si rende pubblico.
Come i ragazzi che a 18 anni affrontano prima l’esame teorico della patente e, solo successivamente, quello pratico; anche noi utenti distratti di internet dovremmo imparare a conoscere tale strumento prima di affidargli tanto di noi stessi.
La formazione a cui ho partecipato a Udine a cura dall’Associazione Mec (Media Educazione Comunità), mi ha permesso di ben individuare i contorni di tale problematica. Occorre, in effetti, non essere utenti/consumatori passivi ma pronti cittadini digitali che hanno ben chiaro i diritti e doveri connessi al mondo digitale.
I vantaggi che tale mezzo apporta sono più conosciuti degli enormi rischi che ne derivano. Le varie piattaforme virtuali possono diventare luogo di reati anche molto pesati nei confronti dei più sprovveduti. Ingiurie, calunnie, immagini rubate sono solamente i reati più comuni.
Si pensi inoltre alla manipolazione di informazioni veicolate al fine di influenzare l’opinione pubblica. Si parla tanto di fake news o, italianizzando, di notizie false montate ad arte per rovinare in un click l’immagine e la reputazione di qualcuno. Si pensi anche al cyberbullismo, fenomeno drammaticamente presente fra i più o meno giovani e che spesso porta la vittima a valutare scelte drastiche. Si potrebbe inoltre parlare dell’induzione di bisogni a mezzo internet nelle persone, in modo da renderle consumatrici compulsive di ogni oggettistica ben pubblicizzata.
Per non parlare degli odiatori (haters) che infestano internet.
Durante la sopracitata formazione si è parlato di questo ma anche di molto altro in particolar modo dell’importanza di dare tempo a noi stessi di razionalizzare prima di pubblicare o condividere contenuti. In effetti la velocità dello strumento internet non ci permette di ragionare sulle nostre azioni.
La soluzione è, spesso, a portata di mano o, meglio, è a portata di scelta. Io scelgo di essere una utente di internet più responsabile. È una scelta difficile da portare aventi perché ormai siamo tutti assuefatti ad internet ma credo che con un po’ di tempo ognuno possa migliorare. Magari iniziando a staccare di più la connessione dati del proprio cellulare.

elisa del regno

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.