INTERVISTA LGBT

 

Siamo nel 2021, una generazione piena di cambiamenti.

Il tema dell’ambiente è diventato il centro delle nostre abitudini, il colore della pelle nonostante si stia cercando di diminuire queste distinzioni purtroppo sta alimentando il tema del razzismo; infine un altro tema che ha sollevato molte discussioni è quello del LGBT.

Ai giorni d’oggi purtroppo molte persone che fanno parte di questo gruppo subiscono violenze e denigrazioni, vi racconto di un’esperienza di due ragazze.

  • Quando l’hai capito?

Quando avevo 17 anni dopo un anno dove negavo la mia sessualità dicendomi che era impossibile o sbagliata. Quando l’ho capito e accettato ho cominciato a respirare veramente, anche se in modo silenzioso. Tutte le mie emozioni passate ( disagio, gioia, affetto profondo) hanno cominciato ad avere senso

L’ho capito a 15 anni, mentre scrivevo con una ragazza conosciuta da poco online. Da tempo provavo una sorta di attrazione che non riuscivo bene a definire verso delle ragazze, ma non capivo cosa volesse dire e mi sembrava impossibile che una cosa che avevo sempre sentito narrata come “diversa”, “strana”e in qualche modo “sbagliata” potesse star accadendo a me, eppure avvertivo il bisogno di capirmi. Quella sera, parlando con lei, è uscita una frase da parte sua che mi ha colpita per il modo in cui vi ho reagito. Mi ha detto che le sarebbe piaciuto darmi un bacio, e io per la prima volta ho avuto il coraggio di pensare, e dire, che la volevo.

  • Quando hai fatto coming out?

Ho fatto coming out quasi 6 mesi dopo l’averlo capito perché avevo timore delle reazioni delle persone a me vicine. Mi sentivo l’unica lesbica al mondo, mi sentivo sola e sbagliata. Poi ho cominciato a cercare gruppi LGBT, chattare con persone di tutta Italia. Ho conosciuto davvero tante persone: alcune antipatiche, alcune simpatiche, alcune con storie davvero complicate e alcune che vivevano tutta la loro vita in modo così sereno che li invidiavo. Ho fatto il primo coming out con la mia migliore amica e sapevo che la sua reazione avrebbe influenzato il resto della mia vita… ha ascoltato e mi ha invitato a continuare a guardarci il film come se niente fosse. Non mi sentivo più strana e la ringrazio tutt’ora per questo.

Al momento non l’ho fatto in famiglia, mentre per quanto riguarda le persone a cui tengo ho adottato per ognuno il metodo che mi sembrava migliore. Ogni mio coming out è stato singolo, avevo il timore della reazione della platea, forse immaginando un’ipotetica scarica di odio immotivato che rientrava nelle mie più grandi paure. In realtà alla fine sono sempre andati bene fino ad ora, ma è un gesto che non ha , per me, una data definita.

  • Come hanno reagito le persone al tuo coming out?

I miei genitori mi hanno detto che volevano esclusivamente la mia felicità. Nonostante ciò erano anche molto preoccupati per me, in questo contesto sociale. Per questo motivo mi avevano consigliato caldamente di tenere la mia vita privata il più segreta possibile (niente foto, non rivelarlo a scuola/lavoro,” sii sempre molto vaga”). Questo loro pensiero mi dava fastidio, ma in un primo periodo ho accettato le condizioni. Più avanti ho compreso che mi sentivo in una gabbia d’oro. Indistruttibile e intoccabile, ma pur sempre in gabbia.

Le reazioni sono state per la maggior parte positive, tranne qualche persona che se n’è andata. Mi preme qui sottolineare che non ritengo “comprensibile” chi se n’è andato, per il semplice motivo che non ritengo l’essere parte della comunità LGBT e tutta la questione dei diritti ad essa legata una questione di ideali politici, credenze o cose simili.

  • Hai mai subito discriminazioni? Se si in che forma?

Ho dovuto ascoltare molti stereotipi e constatazioni molto offensive che trattavano del mondo LGBT in generale. In quei momenti mi sentivo colpita anche se non direttamente da quelle affermazioni a cuor leggero e il mio stare nel mondo diventava sempre più difficile.

Inoltre, una sera in discoteca stavo ballando con la mia ragazza ed è arrivato un uomo a guardarci intensamente mentre ci baciavamo. Quando l’abbiamo notato ci siamo staccate ma lui ci ha preso la testa per farci baciare di nuovo. Per fortuna eravamo in un luogo affollato e ci sapevamo difendere, ma ci ha lasciato a entrambe un senso di oggettivazione enorme.

Direttamente no, anche perché non avendo fatto coming out è difficile che accada.

  • Qual’ è stato il momento più difficile per te?

Quando mi hanno separato per un mese dalla mia prima ragazza perché lei aveva rivelato di me ai suoi genitori e loro non avevano accettato il nostro rapporto. Potevo solo sentirla per cellulare poche ore al giorno, ascoltando le sue preoccupazioni e problemi senza poterla abbracciare. In più ho sentito una colpa che adesso ritengo assurda: la colpa di star amando.

  • E il più bello?

Quando i genitori della ragazza sopra descritta, parlando con uno psicologo, hanno capito che non era dannoso o strano il nostro rapporto. L’ho potuta rivedere, ho potuto per la prima volta tenerle la mano in pubblico e smetterla di scambiarci un singolo bacio di nascosto. Inoltre, i suoi genitori dopo pochi mesi hanno cominciato a volermi bene come se fossi una seconda figlia.

  • Cosa diresti a chi sta affrontando discriminazioni ecc?

Che non sono da soli, che tante persone lottano per i propri e altrui diritti.

Che non c’è nulla di sbagliato in loro, che amare ( o non farlo, trovo troppo poco considerate le persone aromantiche, asessuali ecc.) è un diritto e che non ci fermeremo finché tutti saranno liberi di farlo

  • Hai timori in confronto alla società odierna?

Il ritorno alla politica di destra e la cancellazione della libertà

  • Cos’è la famiglia per te?

A 17 anni non sentivo di appartenere veramente a una famiglia, se non quando ero con la mia migliore amica. Questo perché solo in quel momento mi sentivo capita, serena, me stessa (avendo fatto il coming out solo con lei, solo lei vedeva tutto quello che ero) e amata. Da lì ho capito che indipendentemente dal collegamento di sangue e dalla società che detta cosa fare o no nella vita privata, per me la famiglia è il luogo o concetto dove senti serenità in qualsiasi stato d’animo in cui sei in quel momento, dove ci si può esprimere rispettosamente e liberamente, dove riesci a dare valore sia alla persona che entra a far parte della tua famiglia, sia a te stesso.

  • Cosa diresti a chi pensa che essere omosessuale sia una malattia?

Mandela con una citazione penso che rappresenti bene anche questo argomento.

“Nessuno nasce odiando i propri simili a causa della razza, della religione o della classe alla quale appartengono. Gli uomini imparano a odiare, e se possono imparare a odiare, possono anche imparare ad amare, perché l’amore, per il cuore umano, è più naturale dell’odio.”

Non c’erano anormali quando l’omosessualità era una norma.  Proust, Marcel 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.