INVEP 2.0 Italia multiculturale

Lisa, da poco arrivata al MOVi con il Servizio Civile, ci racconta la sua esperienza al progetto INVEP (di cui il MOVI e patner) nell’ambito del programma europeo Erasmus plus,che si pone l’obiettivo di contribuire a sviluppare l’attitudine al volontariato e all’ impegno attivo nella società, valorizzando soprattutto il protagonismo dei giovani.
“Si è da poco concluso a Mendicino, un piccolo ma pittoresco paesino in mezzo agli uliveti nella provincia di Cosenza il meeting internazionale sul volontariato coordinato da “Dignità del Lavoro” e scelta come sede Italiana dopo l’incontro di  Malaga nel 2015. Al meeting hanno partecipato ragazzi provenienti da 6 diversi paesi del bacino Mediterraneo (rispettivamente Italia del nord con il Friuli, del sud con la Calabria, Spagna, Grecia, Turchia, Giordania e Palestina). Qui, in un ex monastero adibito a dormitorio, si è discusso di temi come: disabilità, guerra e occupazione, profughi, comunicazione assertiva, apprendimento non formale, ruolo, missione e percezione del volontariato in ogni paese. Questi concetti vengono percepiti in modi diversi  a secondo dell’età sesso e cultura e del paese di provenienza. Per capirne le differenze sono stati attivati degli esercizi strutturati in modo da instaurare un confronto e uno scambio di esperienze tra i ragazzi, dove sono emerse le differenti percezioni. Ci sono stati anche momenti di svago volti alla scoperta delle bellezze del territorio Calabrese, come l’escursione sul monte Cocuzzo seguita dalla discesa verso Fiomefreddo per assaporare un tuffo nella costa Tirrenica ed ancora il museo dei brettii e degli enotri (due popolo che hanno abitato il territorio cosentino) un connubio fra archeologia e arte finendo con la gimkana  tra la parte nuova e quella antica di Cosenza gustando scorci di un tempo lontano. Oltre che uno scambio/confronto di idee e contenuti, c’è stato anche uno scambio enogastronomico grazie alla cena multiculturale che ha dato la possibilità di assaggiare piatti, snack, dolci e bevande di tutti i paesi coinvolti concludendosi poi in una serata danzante dove ognuno è stato orgoglioso di mostrare le proprie tradizioni e curioso di conoscere quelle altrui.
E’ stata proprio questa la chiave di questo meeting, uno scambio di esperienze, conoscenze e tradizioni, essenziali per la crescita come volontario e come persona; sopratutto  il motto “The change is in our hands” è servito a ricordare che ognuno di noi non è solo parte del cambiamento ma attivatore del cambiamento che inizia proprio da noi”

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.