ITALIA MULTIETNICA

Movità 17-2009 del 13 maggio

Ve la immaginate un’Italia non multietnica? Provate a pensarci un attimo. Inanzi tutto ci vorrebbe una grossa operazione di italianizzazione di tutti quegli italiani che si ostinano a parlare lingue diverse e a tenere in vita tradizioni antiquate e, ahimè, forestiere (lo sapete che in Italia, anche senza pensare agli immigrati, vivono minoranze di culture disparate come albanese, sud-tirolese, friulana …?)
Poi ovviamente, niente più stranieri ad assistere i nostri anziani. Niente più operai e braccianti a svolgere le molte mansioni che gli italiani non vogliono più fare. Non penserete mica che possano vivere e lavorare tra noi cancellando la loro cultura e le loro radici, no? Quindi niente lavoratori stranieri. Basta poi con gli scambi internazionali, i gemellaggi, i soggiorni di studio all’estero: risparmiamo! A cosa serve scambiare sapere e conoscenza? A cosa serve aprire la mente degli studenti favorendo l’incontro con i loro pari in giro per il mondo?
Poi sarebbe necessario ripulire anche la nostra cultura da tutti quegli influssi e contaminazioni che continuano a raggiungerci. L’elenco è lungo: via i bagni turchi, via i balli sud-americani, via i numeri arabi, via i generi coloniali, via la letteratura straniera …
Con il segretario generale della Cei monsignor Mariano Crociata, diciamo “L’Italia multietnica e multiculturale è un valore ed esiste già di fatto”. Aggiungiamo: per fortuna!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.