la memoria,bene comune dell’umanità

La memoria collettiva è un bene comune immateriale, di cui tutti dobbiamo prenderci cura, perché da essa dipende la qualità del nostro futuro. La complessità e la profondità delle ragioni che fanno del diritto alla dignità di ogni persona un valore fondante sono riassumibili in una sola espressione: bene comune dell’umanità è questa “memoria”, è con tale Memoria infatti che l’Umanità comincia a esistere. Coloro che si impegnano per dare peso e senso alla “Giornata della Memoria” sanno che devono fare i conti con spinte di varia origine a favore dell’oblio.

In realtà negli anni hanno lavorato alla “rimozione” anche inconfessabili scelte politiche: si scopre ora dopo settant’anni un “documentario didattico” sui campi di concentramento, che originariamente avrebbe dovuto “ricordare ai tedeschi quello che volevano non vedere”, richiesto al tempo a un molto motivato Alfred Hitchcock: lavoro che fu poi abbandonato in un archivio di Londra, per favorire la integrazione anticomunista della Germania nella Guerra Fredda.Tra le conseguenze di questo nascondimento il sorgere negli anni in Germania, e non solo, della vergognosa tendenza “negazionista” circa la vicenda stessa della Shoah. La questione connessa al celebrare una giornata della Memoria così si precisa: non pone genericamente una questione di metodo (conoscere la verità, per non ripetere la storia), ma esige che l’apprendimento storico sia considerato irreversibile fondamento di una opposta scelta di civiltà. L’antisemitismo e il precipitare nella guerra “mondiale” sono parte di un’unica vicenda di distruzione del Novecento, che ancor oggi atterrisce. Chi nega la dignità dell’essere umano non promuove la propria appartenenza a una qualche “razza superiore”, ma toglie ogni limite agli orrori possibili e degrada se stesso. Con l’Olocausto dello storico “capro espiatorio” ebreo la Germania, l’Italia, l’Europa tutta cessarono d’essere luoghi di civiltà, l’umanità si ridusse a presenze ferine. Chi “non volle sapere” che effettiva sorte toccasse ai perseguitati non salvò se stesso. Thomas Mann ha denunciato che non c’era stata “un’altra Germania”, il nazismo aveva avuto anche il consenso tacito di tutti quelli che comunque credevano al destino dei tedeschi “uberalles”. La giornata della Memoria serve a tener fermo questo contenuto determinato: non c’è una civiltà che s’afferma su altra, se si negano i fondamenti comuni dell’essere umano.

leggi tutto

Giuseppe Cotturri

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.