Non mi sento “Je suis Charlie”

Non ho scritto je suis Charlie perché non mi sento tale, ma mi sento molto più vicino alle altre vittime e a tutti i civili innocenti uccisi da terroristi con tale qualifica o da eserciti senza tale qualifica ma con tale atteggiamento.
Purtroppo dietro a terrorismi e fondamentalismi non ci sono né religioni né ideologie, ma solo denaro, almeno alla radice. Può sembrare una affermazione estrema ed eccessiva ma ciò che è successo in Burkina Faso con la cacciata del presidente mi sembra confermarlo. A parte, purtroppo, i morti e i feriti nelle manifestazioni di piazza che hanno condotto alla fuga del dittatore, subito dopo non si sono scatenate né guerre etniche, né tantomeno religiose: perché? Io penso solo perché non ci sono interessi economici, in un paese tanto povero di risorse, per cui valga la pena di soffiare sul fuoco.
Non auspico la censura e non sono credente ma Irrisione e derisione, talvolta volgare,  di ciò che per altri è un valore è deplorevole e sarebbe auspicabile una decorosa autocensura fatta rispetto. Sarebbe preferibile irridere gli esseri umani e non le religioni e i loro profeti o santi. Solo l’incitamento alla violenza è qualcosa che va bloccato in modo netto. (‘Disapprovo quel che dici, ma sarei pronto a dare la vita perché tu abbia modo di dirlo’ Voltaire). La critica è sempre utile, ma la facile irrisione spesso serve solo a rafforzare stereotipi pericolosi.
Quanto al creare degli eroi della libertà di stampa, passando in secondo piano le 2000 vittime in Nigeria o le vittime delle stragi israeliane di Gaza che, tra l’altro, sono un fattore che potenzia enormemente il terrorismo, non dei cani sciolti ma sicuramente di molti poveri diavoli, ritengo sia fortemente discutibile.

Andrea Cecchin

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.