LA POVERTA’

Movità 42-2008 del 10 dicembre

C’è una categoria sociale solitamente completamente ignorata dalla politica, che è quella dei totalmente emarginati. Sono le persone che, contemporaneamente, non hanno un lavoro, non hanno una famiglia alle spalle, non hanno (più) risorse disponibili, per tutto questo sono fuori dai circuiti sociali.
Nell’Italia dei “due terzi”, del ceto medio queste persone avevano voce a volte solo grazie all’azione di denuncia e di advocacy di altri “benestanti” più sensibili.
Eppure negli ultimi mesi se ne fa un gran parlare da tutte le parti, di povertà: un poco è sempre più evidente quello che da molti anni movimenti e gruppi impegnati nel sociale affermano, dati alla mano, e cioè che la forbice tra ricchi e poveri continua ad aumentare e che l’obiettivo di ridurre la povertà sembra sempre più lontano.
Ma c’è qualcosa di nuovo: come uno spettro che incomba sulla nostra società ci viene detto che domani saremo in molti più poveri e che vengono tempi bui.
La crisi recente dei mercati finanziari ha infatti creato una situazione nuova, scoprendo un gigantesco gioco e mostrando a noi tutti quali danni possa fare l’avidità di pochi legittimata da un sistema che vede dell’assenza di regole uno dei suoi fondamenti principali.
Uno dei rischi, nello scenario attuale, è che si parli di poveri per esorcizzare questo fantasma: facciamo un po’ di beneficenza, per sentirci a posto, diamo soldi al terzo settore perché metta qualche pezza e se possibile non si vedano troppi poveri in giro. Ma poi continuiamo a fare gli affari di prima.
Solo qualche anno fa’ pensavamo che la sola parola beneficenza fosse ormai superata, avendo capito quanto rischio di assistenzialismo ci fosse nel dare aiuto alle persone senza una relazione significativa con loro, senza preoccuparci di rimuovere le cause dell’emarginazione.
“Combattere la povertà non è ne di destra ne di sinistra ma la grande questione che riguarda milioni di volti e storie della nostra Italia e del mondo intero”, scrive la Caritas Italiana nella sua ultima newsletter.
Il momento attuale restituisce alla Politica tutta la sua responsabilità, nel riprendere in mano i destini della Polis, che oggi ormai ha le dimensioni del mondo. E la Politica dobbiamo farla noi tutti insieme: non è più cosa da professionisti, non possiamo più delegare. Torniamo a parlare, a discutere, a trovarci. Ad arrabbiarci se serve. A sognare soluzioni diverse. Ma torniamo a farlo insieme.


La redazione di Info-MoVI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.