LA SOLIDARIETA’ COME ANTIDOTO ALLA CRISI

Movità 11-2009 dell’1 aprile

Alcune categorie dell’economia, in particolare legate alla monetizzazione e alla trasformazione di ogni bene in moneta, hanno pervaso debordando troppi ambiti della nostra vita. Il volontariato è portatore di una visione che può scardinare questo processo rimettendo al centro il semplice fatto che ci sono beni che non possono essere comprati ne monetizzati e questo è il senso ultimo della gratuità”.
Il volontariato non fa PIL (Prodotto Interno Lordo) ma fa “economia” riportando il termine al suo significato più ampio e originario: un’Economia con la ‘e’ maiuscola a servizio del bene comune e preoccupata delle relazioni e della qualità del vivere di tutti. Su questo terreno di un’economia diversa, altra, esistono innumerevoli piste di lavoro con studi ed esperienze che cominciano a diffondersi ma che ancora fanno fatica a diventare “sistema”: il commercio equo, i Gruppi di Acquisto Solidali, il movimento e gli studi intorno alla Decrescita Serena.
Intorno a questi temi il volontariato ha molto da dire proprio perché espressione di un’azione che mettendo al centro la gratuità, dimostra che l’attenzione ai “beni relazionali” e alla solidarietà è più importante del PIL e dell’aumento costante della produzione di beni che ha ranno rappresentato un dogma indiscusso per tanti anni.

Scarica il resoconto completo della serata del 16 marzo 2009 a Udine.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.