LE POLITICHE DI INTEGRAZIONE DEGLI STRANIERI

Movità 23-2009 del 24 giugno

Siamo consapevoli che, al di la delle posizioni più o meno aperte verso l’immigrazione, la nostra società non potrà fare a meno di misurarsi con la sfida dell’interculturalità.
Il nuovo piano socio-sanitario dovrà necessariamente ed esplicitamente tenerne conto, prevedendo adeguate misure per governare i processi di accoglienza, integrazione e costruzione di forme civili di incontro e convivenza con chi è costretto dalle dinamiche internazionali a cercare miglioramenti della situazione di vita propria e della propria famiglia attraverso l’emigrazione. Occorre onestamente riconoscere altresì la ricchezza e la risorsa che i lavoratori immigrati rappresentano e della quale la nostra società difficilmente potrebbe ormai fare a meno (anche in campi di assistenza quali per esempio la cura degli anziani o i servizi infermieristici).
In ottemperanza ai principi di solidarietà e di riconoscimento dei diritti di tutti gli uomini, dovremo essere capaci di trasformare i possibili conflitti in occasioni di crescita reciproca, rispondendo alle legittime richieste di sicurezza, non con steccati e discriminazioni che aumenterebbero solo le tensioni sociali, ma con reali politiche di accompagnamento e accoglienza.

 

(Tratto dal contributo del MoVI-FVG sul Libro Verde per il nuovo piano Socio-assistenziale: scarica il documento)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.