Luciano Tavazza: uomo, credente, volontario

Movità 33-2010 del 30 settembre

Ricordare un uomo, un credente, un volontario che ci ha insegnato molte cose, ma specialmente quanto può essere dirompente e profondamente politica la gratuità. Una gratuità che non è solo fare qualcosa per gli altri senza denaro, ma è farsi carico responsabilmente e gratuitamente della convivenza umana e di conseguenza della dimensione sociale e umana di ogni persona, in pratica è la sottolineatura del primato etico della solidarietà rispetto alla sfera dell’utile.
Agire senza secondi fini, cioè andare incontro ad ogni persona in difficoltà rispondendo, aiutandola a rispondere, a quei bisogni che la rendono povera, emarginata, dipendente.
Educare oggi alla corresponsabilità, ad una etica alta, alla solidarietà, gratuità e al dono “è una scelta politica di impegno nel cambiamento di ciò che può e deve essere cambiato”.
Di qui il continuo richiamo che Tavazza faceva alla nostra Costituzione Repubblicana.
Non solo una Carta da ricordare o da incorniciare, ma impegno quotidiano per il raggiungimento di quella costituzione morale, dei diritti e dei doveri che essa presuppone.
È con preoccupazione che in questi anni notiamo un logoramento di molte organizzazioni che faticano ad andare avanti e rischiano di dimenticare proprio questa idealità.
Sarebbe bello allora ritrovarci per ricordare Luciano Tavazza, approfittando di questa occasione per ripensare alle nostre progettualità e per avviare nuove virtuose iniziative che ci facciano uscire da questa evidente e lunga crisi. Il nostro impegno non può accontentarsi di un mondo che non vuole cambiare nulla!

(dall’invito alla commemorazione del 2 ottobre organizzata dall’Associazione Luciano Tavazza di Roma)

La redazione

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.