L’embargo va fatto alle armi non alle nazioni

E’ sempre la stessa storia, un gruppo di barbari uccide distrugge stupra, e quindi la comunità internazionale arma un altro gruppo che combatta il primo e così via.

Sul mediterraneo e sul medio oriente l’idea illuminante dei rappresentanti internazionali e locali ora passa per due grandi direttrici, dare carta bianca all’Iran, che poi ci presenterà il conto con la bomba pulita ad uranio ed il bocco navale del mediterraneo con i droni che bombardano le navi ferme ai porti, come se questo fosse possibile, senza dichiarare guerra alle nazioni del nord africa.

La vera questione è che una forza internazionale di pace, che sosteniamo consistentemente: l’ONU (che per 70 anni ha permesso che le guerre si svolgessero sempre lontane dalle nostre nazioni ), non agisce contro la vendita legale e illegale delle armi, ne contro la loro distribuzione,  ne impone un embargo internazionale, ne si preoccupa a favore di un proibizionismo sulle armi.

Forse è ora di mettere la parola fine su azioni schizofreniche, come gli aiuti internazionali  e le azioni di solidarietà (sono 70 anni di aiuti senza risultati evidenti); è come tenere all’ingrasso i pesci del vivaio dove dopo vai a pescare con la dinamite. Dovremmo  pertanto chiedere  alla comunità internazionale un po’ di coerenza: o armi o aiuti, in quanto dare entrambi è cinismo!

Alessandro Lion

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.