lettera di natale

Un giorno una volontaria ha immaginato di scrivere alla sua associazione questa lettera per Natale:
“Carissimi, è da quando ho incominciato a ragionare con la mia testa, ad avere le mie idee che sto camminando lungo i sentieri della vita fermandomi davanti a tutti i problemi che ho incontrato. Non ho mai voluto dire: “non è di mia competenza” o “io ho già da fare” oppure “io ho già dato”. E guardandomi indietro, mi stupisco che ad una come me siano capitati tanti fatti, tanti incontri e anche tante intuizioni. Ho visto cadere tanti miti giovanili, tante sicurezze, tante idee. Mi sono accorta però che le storie più difficili si sono volte in positivo quando mi sono aggrappata ad una linea sicura e non l’ho mai mollata: la speranza in Dio e in una vita migliore. Conosco tanta gente semplice, che non si metterà mai in mostra, e che per me è testimone del “Natale del lieto annuncio”. Gente che ha saputo essere fedele nel tempo in cui è vissuta alla propria coscienza in modo semplice e creativo.  E’ questa la gente che costruisce ponti, dialoghi e le certezze di storia vissuta. E’ grazie a tutti Voi che ho potuto coltivare il sogno di essere persona donante e costruttrice, insieme a voi, di un solido ponte di solidarietà. Carissimi sono molti gli anni che ci conosciamo. Se non vi avessi incontrati, forse questo “sogno” sarebbe un sogno inespresso, utopico o vissuto altrove. Ma grazie alla continua preghiera che mi ha sempre accompagnato sin da prima che vi incontrassi, ho compreso che il Signore ha voluto realizzare con noi questo sogno. Un sogno, un Natale che ormai dura da 35 anni.
Oggi sogno che con l’aiuto del Signore tutto ciò che sinora è stato realizzato continui ed esistere con la grinta, la perseveranza e il coraggio di lottare che ci contraddistingue.
Sogno che con l’aiuto del Signore ognuno di noi possa sempre esprimere il meglio di sé, senza abbattersi, demoralizzarsi, lasciarsi andare o abbandonare la strada intrapresa.
Sogno che con l’aiuto del Signore ognuno di noi possa “guardare al futuro” senza paura, con speranza e capacità prospettiche.
Sogno che tutto ciò che è “nostro”, il nostro tempo, la nostra creatività, il nostro pensiero e la nostra speranza,  siano della Comunità.
Oggi, ho una certezza: grazie a quel piccolo Bambino nato in una grotta a Betlemme, questa gratitudine ad ognuno di Voi e questo sogno riempiranno i nostri cuori e saranno un motivo in più per continuare a donare sorridendo alla vita.
Auguri cari a tutti Voi dal Gruppo Volontari Codroipesi e dal Cod “Il Mosaico”.

Monica

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.