Tiket Totem e Volontariato

Durante la mia esperienza di volontariato, mi è capitato di dover dare il mio contributo all’Ospedale Civile di San Daniele.
Più precisamente il mio compito era quello di aiutare le persone a prendere il biglietto per le varie visite, nella nuova ala dell’ospedale infatti, i ticket si prelevano tramite il cosiddetto “totem” ovvero una macchinetta automatica che non tutti, specialmente gli anziani, sono in grado di utilizzare. Questa attività mi ha dunque permesso di venire in contatto con persone di caratteri più e meno piacevoli. Quello che farò sarà quindi stilare una lista dei diversi tipi di personaggi che ho incontrato e che spesso hanno creato degli episodi particolari. Premetto che, fortunatamente, avevo a che fare anche con persone gentili che salutavano ringraziavano, sia se avevano bisogno di aiuto sia se erano già in grado di fare ciò che gli serviva autonomamente, altri si fermavano addirittura a fare qualche domanda sul perché mi trovassi lì. Tra le persone meno simpatiche troviamo invece i “maleducati” cioè quelli che non mi degnavano di uno sguardo nemmeno per sbaglio e neanche dopo avergli detto “Buongiorno signore/a” o perfino dopo avergli chiesto se avevano bisogno di aiuto. Ci sono poi i “sicuri di sé” che arrivano e salutano in fretta, ma più di tanto non fanno caso a noi volontari, sapendo già come funziona il totem. I “presuntuosi” invece, arrivano direttamente di fronte al totem pretendendo già di saperlo utilizzare e quale biglietto prendere, ma quando in molti casi gli viene detto che è quello sbagliato, pur di trovare una scusa danno la colpa a noi volontari! I “diffidenti” poi, sono coloro che preferiscono non parlarti, non perché siano maleducati, ma spesso perché in un primo momento non capiscono qual è il nostro ruolo (nonostante l’evidente casacca che ci facevano indossare appositamente per essere riconosciuti), essi devono quindi capire chi siamo prima di rivolgerci la parola. Infine abbiamo quei soggetti che io definisco “smarriti” che si perdono ancor prima di mettere piede all’interno dell’ospedale e che non sanno che il ticket si fa con le macchinette, iniziando quindi a vagare disperatamente per la sala in cerca di qualcuno che gli possa dare delle risposte, spesso ignorando completamente i volontari. Nel complesso quella all’ospedale è stata un’esperienza utile e per certi versi anche divertente grazie a queste persone che con i loro modi di fare creavano involontariamente delle situazioni quasi comiche.

Alberto

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.