L’Italia deve fare molto di più contro la crisi climatica

Rapporto Asvis 2019. L’Italia deve fare molto di più contro la crisi climatica, ma non è la sola
Simone Santi
L’Italia è migliorata in 9 dei 17 obiettivi dell’Agenda 2030, tra cui la riduzione delle disuguaglianze, ma su povertà e cambiamenti climatici siamo in ritardo. I dati del nuovo rapporto Asvis 2019.

Nel percorso verso il raggiungimento dei 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, la cosiddetta Agenda 2030, l’Italia migliora in alcuni campi, per l’esattezza 9 – salute, uguaglianza di genere, condizione economica e occupazionale, innovazione, disuguaglianze, condizioni delle città, modelli sostenibili di produzione e consumo, qualità della governance e cooperazione internazionale –, ma peggiora in altri 6  – povertà, alimentazione e agricoltura sostenibili, acqua e strutture igienico-sanitarie, sistema energetico, condizione dei mari ed ecosistemi terrestri – ed è solamente stabile per l’educazione e la lotta contro i cambiamenti climatici. È quanto emerge dal rapporto Asvis 2019, l’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile presentato lo scorso 4 ottobre a Roma alla presenza di numerosi rappresentanti delle istituzioni, tra tutti il presidente della Repubblica Sergio Mattarella che più volte durante il proprio mandato ha avuto modo di esprimersi sull’importanza di una sostenibilità “ambientale ma anche sociale, per ridurre le disuguaglianze”.
Sono evidenti, secondo Asvis, i ritardi in settori cruciali per la transizione verso un modello che sia sostenibile sul piano economico, sociale e ambientale, e fortissime restano le disuguaglianze, comprese quelle territoriali. L’Italia resta, quindi, lontana dal sentiero tracciato nel 2015, quando si è impegnata ad attuare l’Agenda 2030 e l’Accordo di Parigi. In particolare, per quanto riguarda l’obiettivo numero 13, ovvero la lotta contro il riscaldamento globale, il rapporto Asvis 2019 registra dati positivi fino al 2014, e poi un peggioramento nel triennio successivo in termini di emissioni di CO2 (tre quarti delle quali provengono dal sistema produttivo).

di Simone Santi

One comment

  1. Ma noi abbiamo dato mandato x il nostro futuro a coloro che sono in parlamento e questi sono lo specchio della popolazione italiana. La programmazione seria a medio e lungo termine non è nel nostro DNA. Purtroppo 👴🏻👋👋👍

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.