MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE DEL VOLONTARIATO

Movità 1-2009 del 14 gennaio

l consiglio regionale, nell’ambito della legge 17-2008 (criteri per la predisposizione del bilancio regionale 2009) ha approvato alcune modifiche alla legge 12/95. L’articolo 7, ai commi 62 e 63, modificando l’articolo 8 della legge sul volontariato e abrogandone l’articolo 8 bis, apporta significative modifiche al sistema di contributi con cui la Regione Friuli Venezia Giulia sostiene le organizzazioni di volontariato iscritte al registro regionale.
Innanzitutto è stato eliminato il sostegno ad attività formative, probabilmente con l’intenzione di evitare una sovrapposizione con un’azione similare svolta dal Centro Servizi per il Volontariato.
E’ stato inoltre eliminato il capitolo dei “progetti finalizzati” (progetti per interventi in particolari aree emergenziali o per sperimentare e introdurre nuove metodologie di azione), sostituiti con una possibilità più generica di finanziamento di “prestazioni di servizi necessari a consentire l’impegno diretto dei volontari in attività di particolare rilevanza”.
Restano quindi tre “canali” con i quali la regione darà un aiuto diretto alle associazioni: contributi per l’assicurazione dei volontari, per l’acquisto di attrezzature e, da ultimo, per “acquisire servizi” necessari per permettere l’attivazione dei volontari in attività particolari. A questo riguardo la nuova formulazione recita che “con delibera della Giunta regionale, assunta di norma entro il mese di dicembre di ciascun anno, sono individuati gli ambiti d’intervento prioritari delle iniziative da sostenere nell’anno successivo”.
A breve la regione dovrebbe emanare una delibera che regolamenterà le nuove modalità con cui saranno gestiti questi contributi. In attesa di poter conoscere ed esaminare questo atto necessario per dare operatività alle novità, vorremmo porre all’attenzione di tutti due considerazioni.
La prima riguarda l’eventuale abbandono della modalità di bando per il sostegno di progetti: riconosciamo le molte difficoltà e limiti che il sistema presentava, essendo il lavoro per progetti complesso da gestire e da valutare. Ha però dalla sua il vantaggio di obbligare alla chiarezza nell’ideare e proporre idee e piani di azione, e può garantire, se ben condotto, un minimo di qualità degli interventi oltre che trasparenza e imparzialità nelle valutazioni.
La seconda nota riguarda il fatto che di questi cambiamenti, come mondo del volontariato, siamo venuti a conoscenza solo a ridosso dell’assemblea di fine novembre mentre nel comitato Regionale del Volontariato se ne parla da prima dell’estate. Ci saremmo aspettati che i nostri rappresentanti nel comitato ci informassero e consultassero per tempo: dove siete finiti?

L’anno è cominciato e continua l’impegno di tutti, ognuno al suo posto, per far crescere i Beni Comuni e diffondere la cultura e la prassi della solidarietà: buon 2009!

La redazione di Info-MoVI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.