NO AI TAGLI ALLA SOLIDARIETA’

Movità 43-2010 del 15 dicembre

Riportiamo il comunicato stampa del MoVI Nazionale

Associandosi a tutte le voci di coloro che tutelano i diritti dei più deboli, il  MoVI dice no ai tagli al sociale, alla cultura, alla tutela dell’ambiente che in maniera ormai costante caratterizzano ogni manovra economica.
Non comprendiamo la logica di questa manovra di attacco allo stato sociale, che scarica sui più deboli il costo della crisi e chiede ai cittadini più in difficoltà di accollarsi un onere insostenibile, liquidando progressivamente l’impegno dello stato per “rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti”.
Crediamo che la spesa sociale non sia un costo “a perdere” ma sia un ingrediente fondamentale di un modello di sviluppo finalizzato ad una società sicura, giusta e sostenibile.
Il MoVI rivolge un invito alto e forte a rivedere le priorità e i criteri di destinazione delle risorse che i contribuenti onesti mettono nelle mani dei loro rappresentanti. Esortiamo politici e controllori a ricondurre  gli evasori al dovere costituzionale di “concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva“, anche per alleggerire il carico fiscale agli onesti e a chi è più a rischio di povertà.

Dal 2008 al 2011 gli stanziamenti per le politiche sociali in Italia sono passati da 2.520 a 349,4 milioni di euro. Ridotti a meno di un settimo in 3 anni. Senza parlare dei tagli al settore culturale, dove si disinveste drasticamente sulla scuola, sul tanto declamato capitale umano e sulla cura e valorizzazione del patrimonio storico e artistico. E dei tagli al settore ambientale, a discapito di manutenzioni ordinarie e di una oculata gestione del territorio, ai trasporti ferroviari e così via.
Tagli che avranno un effetto disastroso in particolare nelle regioni del sud, dove gli Enti Locali difficilmente potranno bilanciare con risorse proprie: non ci saranno più sostegni alla vita autonoma dei disabili, il sostegno scolastico sparirà, l’assistenza domiciliare agli anziani sarà sempre più ridotta.
Cifre grosse, tagli drastici e progressivi, ironicamente in contrapposizione a corrispondenti aumenti dei bisogni della gente su cui si sta scaricando implacabilmente la crisi economica e occupazionale.
Si trovano invece fondi per politiche per lo meno discutibili: aumenta costantemente la spesa per le armi, mentre Gran Bretagna, Francia e Germania le tagliano. Si trovano i soldi per propagandare l’arruolamento nell’esercito a scuola mentre il servizio civile è ormai ridotto all’osso. Si progettano sempre nuove opere che forse non verranno mai completate (tre quarti dei cantieri aperti per le grandi opere sono fermi).
Intanto in Italia le disuguaglianze continuano a crescere, posizionandoci al secondo posto in Europa per il numero di persone a rischio di povertà (addirittura al primo se ci si limita alla povertà delle famiglie con minori).
“Meno Stato e più società” sostiene il Ministro Tremonti. Ma come dobbiamo intenderlo? Meno soldi da parte dello Stato e più soldi (e lavoro) da parte della società? Ma la società dove trova più i soldi quando l’economia è al lumicino e i volontari devono con sempre maggior fatica farsi in quattro fra le esigenze familiari per arrivare a fine mese e i servizi agli ultimi?
Come se ciò non bastasse si taglia anche il 5 per mille, nato da un idea del Ministro Tremonti, a favore della ricerca, del volontariato e degli enti locali, per sostenere iniziative che stanno a cuore agli stessi cittadini. A fronte però di questa encomiabile iniziativa lo Stato ha contestualmente alleggerito il sostegno diretto per questi settori e ora, nella nuova finanziaria, con il tetto introdotto, lo riduce di fatto ad un 1 per mille.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.