Nuova legge sugli interventi sociali: dove è finita la Politica?

Movità 33-2009 del 7 ottobre

E’ passata in consiglio regionale la discussa legge sugli “interventi sociali”. La norma introduce termini più rigidi per l’accesso al welfare, innalzando gli anni di residenza in Italia e in regione necessari per avere diritto ad alcuni sostegni.
E’ stata varata senza confronto previo in commissione, con dichiarazioni pesanti e affermazioni che difficilmente riusciamo a comprendere in relazione ai valori costituzionali in cui ci riconosciamo.
Ci preoccupa una politica che non è più capace di ascolto e di dialogo. Una politica che non guarda lontano, che pensa solo all’immediato, alle emergenze o peggio al consenso da incassare.  Una politica che non è più ricerca collettiva del bene comune, attraverso la fatica necessaria del confronto, ma dittatura di chi è riuscito a piazzarsi primo in classifica. Ci preoccupa questa semplificazione della riflessione, questa incapacità di tener conto della complessità e della dimensione globale dei problemi che dobbiamo affrontare.
Balza agli occhi di noi cittadini questa polarizzazione del dibattito che non guarda più al merito delle questioni ma sembra diventare ressa senza esclusione di colpi e senza regole del gioco.
Dobbiamo pensare che se cambia colore al prossimo giro sarà giusto cancellare leggi e azzerare il lavoro precedente? E chi pagherà il costo di tutto questo? Cosa ne sarà dei servizi e delle istituzioni strattonate da da una parte e dell’altra? Come potranno ancora funzionare?
E noi cittadini cosa possiamo fare, da parte nostra? Quale la nostra parte di responsabilità?

La redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.