Nonni e missioni

Robert Green Ingerso ll, grande oratore e avvocato di metà ‘800, sosteneva orgogliosamente: “Le mani che aiutano sono più sante delle labbra che pregano.”
Questo insegnamento, è stato accolto dai nonni del Centro di aggregazione di San Daniele e di Madrisio e di San Vito di Fagagna che hanno donato per l’acquisto di galline e di “mezza mucca” in favore delle famiglie più povere di Addis Abeba.
Quando Paolo Caneva, volontario friulano che si occupa delle missioni in Etiopia ormai da 15 anni e che la settimana scorsa ha decritto la missione ai nonni dei due centri di aggregazione, ha ammesso, un pò scherzando che i fondi reperiti hanno garantito l’acquisto di 300 galline ma solo di “mezza mucca” i nonni hanno voluto fortemente garantirne anche l’altra metà. Non solo.
Le nonne, che da tempo hanno i mariti a casa perché in pensione, hanno offerto la disponibilità dei loro consorti a provvedere anche a lavori di manodopera. Insomma,un aiuto su tutti e due i fronti.
Ridendo, la presentazione di questa missione ha permesso di far conoscere una realtà distante ma che impone interrogativi morali a tutti noi.
I nostri nonni, anche grazie alla storia che per classe anagrafica quasi sicuramente hanno vissuto, conoscono l’importanza di rendere autonome le persone, di far crescere un Paese partendo proprio dall’istruzione dei più giovani.
L’istruzione rende liberi ma occorre tempo e disponibilità di risorse per dare a tutti la possibilità di istruirsi. È per questo, per rendere liberi i più piccoli dalla pesantezza di dover lavorare per sostenere il bilancio familiare, che occorre aiutare le famiglie a essere autonome e libere di investire nel futuro dei loro figli che è, poi, anche il loro di futuro.
Grazie al contributo dei due centri di aggregazione è stato inoltre possibile curare un ragazzo di appena 30 anni che a causa di un’infezione agli occhi stava progressivamente perdendo la vista. È tornato a vedere, quindi, con lo sguardo aperto verso un futuro tutto da scrivere ma che è certamente più limpido grazie alla sensibilità e generosità di chi, pur vivendo nella parte semplice del mondo, gli è vicino perché il futuro sia meno buio.
Elisa del Regno

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.