Omnes fratres, fratelli tutti

Partendo dall’ammonimento di San Francesco, nella sua terza Enciclica il pontefice richiama l’importanza di «far rinascere un’aspirazione mondiale alla fraternità»: contro il mondo chiuso della finanza e. Un’Enciclica di programma, in otto capitoli e 287 punti.
Omnes fratres, fratelli tutti: così San Francesco esortava la comunità umana a legarsi in un vincolo affettivo, forte. «L’essenziale di una fraternità aperta»
L’ammonimento è il cuore e dà titolo alla terza Enciclica di Papa Francesco, firmata il 3 ottobre ad Assisi e diffusa oggi, nella festività francescana.  Guardiamo con attenzione, fratelli tutti, il buon pastore che per salvare le sue pecore (Cfr. Gv 10,11; Eb 12,2) sostenne la passione della croce. Le pecore del Signore l’hanno seguito nella tribolazione e persecuzione (Cfr. Gv 10,4), nell’ignominia e nella fame (Cfr. Rm 8,35), nella infermità e nella tentazione e in altre simili cose; e ne hanno ricevuto in cambio dal Signore la vita eterna. Perciò è grande vergogna per noi servi di Dio, che i santi abbiano compiuto queste opere e noi vogliamo ricevere gloria e onore con il semplice raccontarle!
L’Enciclica – il termine “fraternità” vi ricorre trentuno volte – si apre così:
«Fratelli tutti» scriveva San Francesco d’Assisi per rivolgersi a tutti i fratelli e le sorelle e proporre loro una forma di vita dal sapore di Vangelo. Tra i suoi consigli voglio evidenziarne uno, nel quale invita a un amore che va al di là delle barriere della geografia e dello spazio. Qui egli dichiara beato colui che ama l’altro «quando fosse lontano da lui, quanto se fosse accanto a lui». Con queste poche e semplici parole ha spiegato l’essenziale di una fraternità aperta, che permette di riconoscere, apprezzare e amare ogni persona al di là della vicinanza fisica, al di là del luogo del mondo dove è nata o dove abita».
La finanza e il divide et impera
Attenzione alle parole, attenzione a come il capitalismo predatorio – ammonisce Francesco – se ne serve, invertendone la rotta e il senso. Si legge al punto 12 dell’Enciclica: «Aprirsi al mondo” è un’espressione che oggi è stata fatta propria dall’economia e dalla finanza. Si riferisce esclusivamente all’apertura agli interessi stranieri o alla libertà dei poteri economici di investire senza vincoli né complicazioni in tutti i Paesi».    Certe parti dell’umanità sembrano sacrificabili a vantaggio di una selezione che favorisce un settore umano degno di vivere senza limiti. (…) Ci sono regole economiche che sono risultate efficaci per la crescita, ma non altrettanto per lo sviluppo umano integrale
Ma «i conflitti locali e il disinteresse per il bene comune vengono strumentalizzati dall’economia globale per imporre un modello culturale unico. Tale cultura unifica il mondo ma divide le persone e le nazioni», perché “la società sempre più globalizzata ci rende vicini, ma non ci rende fratelli”».
Siamo più soli che mai in questo «mondo massificato che privilegia gli interessi individuali e indebolisce la dimensione comunitaria dell’esistenza. Aumentano piuttosto i mercati, dove le persone svolgono il ruolo di consumatori o di spettatori».
da Vita it
di Marco Dotti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.