Una marcia di vita

Nei mesi di Servizio Civile Universale ho scritto più volte per “Giovane mente” e ancora una volta mi trovo a fare una riflessione cercando di rappresentare i giovani. Anche se tutto ciò è complesso.
Pochi giorni fa mi sono imbattuta in un tweet che più o meno diceva “È tremenda la pressione che a 23 anni sento. Mi sento in ritardo su tutto. In ritardo perché non ho un buon posto di lavoro, in ritardo perché non ho una relazione stabile, in ritardo perché non sono autonoma e indipendente economicamente. Semplicemente in ritardo.”
Da qui mi sono posta mille domande, per capire se anche io a 25 anni mi fossi mai sentita così.
La risposta è: semplicemente sì. Sì perché se confrontassi la mia vita, i miei traguardi “socialmente accettati e richiesti” sarei in ritardo rispetto a mia madre. Che alla mia età era sposata e aveva già un figlio di 4 anni e un contratto a tempo indeterminato da quasi 10 anni. E forse sarei in ritardo anche rispetto ad alcune coetanee e amiche.
Ma è davvero questo che vogliamo fare? Confrontarci costantemente con chi non è noi?
Sempre più sento parlare di pressione sociale giovanile, di problemi psicologici e alimentari in aumento nei giovani perché “non si sentono all’altezza”. Ma all’altezza di cosa? Delle nostre personali aspettative o di quelle che altri hanno costruito per noi?
Allora mi collego all’editoriale di questa settimana citando la Senatrice Liliana Segre con le parole che rivolge ai giovani durante il suo discorso alla Cittadella della Pace Rondine:” La vita può essere una marcia molto difficile che va trasformata nella marcia della vita. Può essere molto difficile, ma è una marcia di vita. E la vita non si ferma a ciò che non si è. Ma è fatta di tutte le sfumature che compongono chi siamo.”

Michela Giovanatto

One comment

  1. Michela. Quello che c’è stato prima di te era sicuramente in un contesto molto diverso dal tuo e quelli della tua generazione che sembrano tutti felici ed appagati, potendo andare a spiare le loro vite sicuramente anche loro hanno e avranno avuto alti e bassi. Considero che sia bene che continui per la tua vita. Quando avrai il doppio della tua attuale età ci sarà chi invidia i tuoi tempi di gioventù. Anch’io ho avuto simili idee e sensazioni pari alle tue.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.