Panchine contro la solitudine

Lo scoppio della pandemia ha determinato lo stravolgimento della quotidianità e il venir meno di occasioni di socialità, non solo per la cancellazione di eventi e manifestazioni mondane, ma anche per l’isolamento forzato in casa. Adulti e adolescenti hanno dovuto cambiare la loro routine, seguendo le lezioni tramite didattica a distanza o lavorando in smart working, mentre per aiutare molti anziani in difficoltà a causa dell’isolamento forzato sono nate diverse iniziative contro la solitudine come “le casse per le chiacchiere” in Olanda. La mancanza di socialità ha rappresentato in questi due anni un problema da affrontare ricorrendo a supporti psicologici diversi: per questo sono stati creati vari progetti come “Happy to chat“, che prevede l’installazione di panchine con speciali cartelli che invitano le persone a sedersi e a fare amicizia con sconosciuti, diffuso nel mondo e in Italia programmi come “Raise your voice” e “Più spazio per te“.
Nel biennio vissuto in piena pandemia, anche l’Italia infatti ha messo in campo diversi progetti per incentivare le relazioni sociali e contrastare l’isolamento. Moltissime persone hanno manifestato disagi derivanti da situazioni di solitudine, per cui diverse associazioni sono intervenute a sostegno di giovani ed anziani, considerati le classi di età più fortemente colpite. Ad esempio a Padova l’amministrazione ha avviato ben due progetti: “Raise your voice”, un sistema di supporto online per ragazzi liceali e “Più spazio per te“, un servizio rivolto agli adulti over 60 e al loro nucleo familiare. In entrambi i casi si tratta di spazi virtuali in cui avvengono le conversazioni con professionisti, che ascoltano i problemi e le esigenze di ognuno. “Abbiamo attivato due servizi con due target molto diversi– ha affermato l’assessore al Sociale Marta Nalin sul sito del comune – consapevoli del fatto che si tratta di fasce d’età da un lato più colpite, dall’altro con più difficoltà a trovare sostegno in maniera autonoma.”
L’idea del progetto “Happy to chat” nasce in Galles nel 2019 da Allison Owen Jones, colpita dalla visione di un anziano che stava passeggiando da solo nel parco. Lo sconosciuto si è avvicinato a una donna seduta su una panchina per accarezzare il suo cane, senza tuttavia proferire alcuna parola. Da quest’episodio Jones ha intuito la possibilità di favorire conversazioni tra sconosciuti e dopo poche settimane su decine di panchine ha iniziato a fissare cartelli che stimolavano i passanti a chiacchierare con chi vi fosse seduto. Da qui il nome dell’iniziativa “Happy to chat” (Felice di chiacchierare).Il successo dell’iniziativa è stato tale da determinarne la diffusione in Canada, Australia, Stati Uniti e in Svizzera, Ucraina e Polonia. In Svezia, nella città di Göteborg sono state installate speciali sedute con delle targhe che invitano le persone a conoscersi e che suggeriscono espedienti per rompere il ghiaccio come “A cosa stai pensando?” o “Trova tre cose in comune”. Combattere la solitudine è diventato uno scopo perseguito non solo per i singoli, ma anche da amministrazioni comunali e governi che si stanno muovendo in tal senso.
La pandemia ha determinato per molti l’insorgenza di situazioni di solitudine, facendo talvolta dimenticare cosa significhi interagire con gli altri. Essendo notevolmente diminuite le occasioni di relazionarsi con il prossimo sono subentrati i social media, che sembrano aver sostituito i rapporti face to face. Per incentivare nuovamente la conoscenza ed il confronto tra persone anche in Polonia è nata l’iniziativa denominata Gadulawka (“Pronto a chiacchierare”) equivalente di “Happy to chat”.
Il progetto consiste nell‘installazione di speciali panchine, che recano ai lati la scritta “Siedi qui se non ti spiace che qualcuno si fermi a salutare” e altre frasi che incoraggiano gli sconosciuti a sedersi e parlare tra loro. Il design delle strutture, ideato da uno studio di architettura locale, è originale e permette di riconoscere gli impianti grazie al colore grigio e verde che li caratterizza. “Dopo così tanto tempo di separazione e distanziamento sociale – hanno affermato le autorità locali durante la prima inaugurazione avvenuta a Cracovia a settembre 2021 – speriamo che questo progetto diventi un’altra motivazione per fare nuove amicizie in un momento in cui il dialogo aperto anche con sconosciuti sta diventando sempre più importante.”

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.