Possiamo ancora parlare di Pace?

In questo tempo ricorre l’anniversario del centenario della prima guerra mondiale combattuta, con disastrose conseguenze e ingenti perdite umane, sulle nostre montagne dal 1915 al 1918. Di quel tempo ormai lontano conservo il ricordo di alcune  testimonianze resomi in gioventù da parenti e conoscenti che mi raccontarono di alcune battaglie svoltesi sull’altopiano di Asiago e sul Carso alla strenua difesa di difficili confini, della lotta alla fame e alle malattie e di ciò che mi sono documentata leggendo diversi libri sull’argomento. Tutto ciò vive come sfondo ad alcune domande che spesso mi tornano alla mente poiché nel mondo sono tuttora presenti aspri e duri conflitti bellici: L’uomo conosce la Pace? Riesce a vivere la Pace?  L’uomo è per sua natura un essere violento quando vuole rimanere nelle sue convinzioni evitando il confronto e il dialogo con l’altro; quando vuole avere a tutti i costi la verità in tasca, ed è incapace di vivere uno scontro verbale; quando impugna armi come soluzione ai problemi pur conoscendo le terribili conseguenze di questo gesto; quando si rivela incapace di gestire, con la calma e la razionalità, situazioni complesse o problematiche; quando in nome di un’ideologia vive con violenza la sua imposizione; quando si disinteressa totalmente dell’ambiente, della salute pubblica e della comunità umana.
E tu Uomo che ascolti queste parole devi sapere che, quando comprendi  tutto ciò che “ricevi” dal mondo lo devi valorizzare come dono; quando capisci che ciò che “ricevi”, non puoi tenerlo per te, ti devi impegnare a “restituirlo”;  quando condividi con altri il tempo, i talenti, le capacità, la professionalità, la cultura e i beni spirituali stai iniziando a vivere la Pace; quando condividi per restituire che è anche un modo sobrio di usare le risorse, senza spreco né distruzione puoi cambiare le regole dell’economia e della società. Inoltre, devi sapere che quando accogli l’altro o riesci ad abbracciare colui che ti ha offeso, che ti ha usato violenza, vinci la lotta contro il tuo egoismo. Non si può fabbricare la pace se non si comincia da se stessi, se non si sa perdonare e  se non si smonta il meccanismo perverso dell’orgoglio che è fonte di tutti i mali.E tu, Uomo, perché non incominci a dialogare seriamente sulla Pace? Quante parole sono state e si continuano ad usare incautamente per definire la Pace! Pace non è la felicità del possesso delle cose, non è utopia, non è ricchezza. Dobbiamo dare alla Pace il suo giusto significato con parole uniche, vere, determinate. Con costanza senza perdersi d’animo, senza dubitare. Questo è un periodo storico di  grandi tensioni ma anche di grandi conversioni e di grandi testimonianze di cambiamento interiore. Accogliere in sé questo particolare momento storico significa accogliere l’invito a vivere il cambiamento con la convinzione che la solidarietà e la speranza diventino sempre più il “trattore” che ci guida sulla giusta strada all’incontro con la Verità nella Pace.

Monica Campana

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.