Le reti e la rappresentanza

La necessità di avviare percorsi di sostegno, promozione e sperimentazione di nuove forme di coordinamento e rappresentanza per il volontariato è un tema centrale e prioritario previsto nei programmi.

Il bilancio

  • Constatiamo che i passi concreti fatti sono molto pochi. Nel triennio le associazioni sono state convocate solo per adempimenti formali e sono mancati momenti di confronto e crescita. (poche eccezioni: il seminario sulla riforma della legge del novembre 2009, alcuni incontri con le associazioni realizzati a Gemona e Trieste).
  • Non è stato avviato nessun percorso nè progetto per sostenere l’aggregazione e il coordinamento tra le associazioni nel territorio.
  • Le assemblee del CSV hanno registrato una bassissima percentuale di partecipanti e le assemblee regionali delle OdV sono state vissute da molti come momenti di comunicazione istituzionale e non reali occasioni di incontro e scambio. Confuse e non trasparenti le modalità di formalizzazione delle candidature e di votazione per il CoGe nell’ultima assemblea.
  • La riforma della LR 12-95, avviata dall’Assessore Regionale, ci impegna a partecipare tutti per portare il nostro contributo nella definizione delle norme che riguardano il futuro del volontariato nella nostra regione. Comitato Regionale e CSV si impegneranno a sostenere questo processo perché la riforma sia frutto di un percorso partecipato.
  • Deve essere affrontata in via prioritaria la questione del ruolo del Comitato Regionale e la sua riforma, sviluppando efficaci e sostenibili modalità di confronto tra i suoi componenti volontari e la base delle associazioni. Si potrà concretizzare in incontri provinciali o di ambito, convocati da esponenti del comitato Regionale, o in altre forme di dialogo che possano garantire una diffusa informazione e la possibilità di partecipazione di tutte le OdV che desiderano dare un contributo. Il CSV garantirà un supporto logistico senza sostituirsi alla funzione di rappresentanza del Comitato.
  • I programmi del CSV devono nascere da un percorso partecipativo che deve andare oltre la mera approvazione formale nelle assemblee dell’ente gestore: devono essere introdotte procedure di governance che permettano al volontariato regionale (non solo ai soci dell’ente) di esprimere priorità e costruire progettualità condivise che andranno a formare la programmazione del CSV. La regia di tali percorsi sarà affidata al Comitato Regionale, con il supporto tecnico del CSV.
  • Devono essere studiate e avviate modalità di sostegno e promozione di coordinamenti locali e reti tra le associazioni, in particolare a livello di ambito, mettendo a disposizione risorse e aiuti per attuare programmi e progetti costruiti e gestiti autonomamente dalle OdV sul territorio, per raggiungere obiettivi di interesse generale (esempio: promozione del volontariato con i giovani, iniziative di promozione della solidarietà etc.).

Il futuro

  • La riforma della LR 12-95, avviata dall’Assessore Regionale, ci impegna a partecipare tutti per portare il nostro contributo nella definizione delle norme che riguardano il futuro del volontariato nella nostra regione. Comitato Regionale e CSV si impegneranno a sostenere questo processo perché la riforma sia frutto di un percorso partecipato.
  • Deve essere affrontata in via prioritaria la questione del ruolo del Comitato Regionale e la sua riforma, sviluppando efficaci e sostenibili modalità di confronto tra i suoi componenti volontari e la base delle associazioni. Si potrà concretizzare in incontri provinciali o di ambito, convocati da esponenti del comitato Regionale, o in altre forme di dialogo che possano garantire una diffusa informazione e la possibilità di partecipazione di tutte le OdV che desiderano dare un contributo. Il CSV garantirà un supporto logistico senza sostituirsi alla funzione di rappresentanza del Comitato.
  • I programmi del CSV devono nascere da un percorso partecipativo che deve andare oltre la mera approvazione formale nelle assemblee dell’ente gestore: devono essere introdotte procedure di governance che permettano al volontariato regionale (non solo ai soci dell’ente) di esprimere priorità e costruire progettualità condivise che andranno a formare la programmazione del CSV. La regia di tali percorsi sarà affidata al Comitato Regionale, con il supporto tecnico del CSV.
  • Devono essere studiate e avviate modalità di sostegno e promozione di coordinamenti locali e reti tra le associazioni, in particolare a livello di ambito, mettendo a disposizione risorse e aiuti per attuare programmi e progetti costruiti e gestiti autonomamente dalle OdV sul territorio, per raggiungere obiettivi di interesse generale (esempio: promozione del volontariato con i giovani, iniziative di promozione della solidarietà etc.).

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.