RIFLESSIONI DI NATALE DI UN PRESIDENTE …VOLONTARIO

alcuni giorni fa, mentre stavo sistemando la mia cassetta degli attrezzi, mi è balzato alla mente un pensiero: “… e se potessi usare la cassetta come immagine per descrivere il Santo Natale?”

Direi che il Natale è una cassetta degli attrezzi  e ne contiene diversi ognuno dei quali dovrà essere usato da ciascuno di noi per sistemare e garantire la ri-costruzione del nostro mondo, attualmente così sofferente.

Nella cassetta troviamo il cacciavite la  cui forza incisiva può servire per risvegliare in noi il senso profondo di appartenenza alla comunità e la consapevolezza che in questo particolare momento storico dobbiamo ricominciare da capo.

C’è la scatola dei chiodi che rappresentano le nostre tante voci che parlano e che chiedono di essere ascoltate. Un’immagine che ci aiuta a riappropriarci della nostra umanità, quella vera, che si dona all’altro attraverso la personale vicinanza a chi soffre, a chi non riesce da solo ad uscire dal buio della solitudine e del dolore.

Ci sono anche le tenaglie la cui forza ci permette di “estirpare” dal nostro linguaggio parole colme di disprezzo, arroganza, superficialità, volgarità senza ferire chi ci sta ascoltando per vivere nell’umiltà come atteggiamento prioritario per ricostruire la nostra società più vicina alle nostre possibilità e più aperta all’accoglienza delle nostre diverse personalità.

 

E con la forza insistente dei  “battiti” del martello il Natale lotta contro la nostra pigrizia per stimolarci ad aiutare gli altri nella difesa dei diritti di ciascuna persona, nel rispetto della propria dignità in quanto uomo e donna, marito e moglie, padre e madre, membro della nostra comunità.

 

Ma nella cassetta degli attrezzi ce ne sono tanti altri che con la loro presenza silenziosa ci inducono alla riflessione interiore, dove ognuno di noi ritrova se stesso, i propri valori, la propria fede in Dio e nell’uomo figlio adottivo di Dio.

Questo Natale ci ricorda che la nostra vita ha bisogno di “lavori straordinari”. Per questo, oltre al nostro impegno concreto, ha bisogno dell’aiuto di altri attrezzi come la vanga e la pala per ritornare all’essenzialità riappropriandoci innanzitutto della polvere, dei profumi e dei frutti della nostra terra, senza sprecare nulla, donando a chi ne ha bisogno ciò che abbiamo in più e con la consapevolezza che, attraverso il nostro lavoro, partecipiamo a quel processo economico per mezzo del quale il nostro contributo lavorativo offre ad altri la possibilità di continuare a vivere.

Si, lo slogan di questo Natale è imperativo: “Dobbiamo ricominciare da capo!”

Il profeta Isaia e l’apostolo San Giovanni nei loro scritti avevano profetizzato che l’umanità avrebbe vissuto questo momento ….

Oggi scelgo di descrivere le parole della profezia di Isaia, che prendono corpo con la raffigurazione che ne fa delle stesse il pittore Marc Chagall con il suo dipinto sulla grandissima vetrata della biblioteca nazionale di Gerusalemme.

Immaginate una grande vetrata rettangolare suddivisa in tre parti:  la prima è un rettangolo stretto, la seconda è molto larga e predomina sulle altre, la terza è come la prima, stretta.

Le immagini sono queste:

la prima, su un prato d’erba verde, in un cielo terso di un azzurro intenso, c’è una vanga – segno del lavoro dell’uomo – e attorno e sopra la vanga aleggia il rotolo della torah, la parola di Dio;

la seconda, con un cielo rosso, la terra e le pagine della bibbia sono rosso fuoco e nero cenere: infatti la terra e la parola di Dio per mano dell’uomo stanno bruciando perché l’uomo non ne vuole sapere di Dio e della madre terra;

la terza ed ultima, l’uomo ha riconquistato sé stesso, ha ripreso in mano la sua vita.  Così, in una giornata di cielo terso e di un azzurro intenso, su una terra piena di cenere, rispunta l’erba a nuova vita e ricompare la vanga come strumento di essenzialità e di umiltà della vita nuova dell’uomo. E nuovamente ricompare la parola di Dio  che aleggia nell’aria della quale l’uomo non può più farne a meno perchè diventa parte del suo stesso respiro  e perché ha capito che Dio esiste.

La terza parte della storia della nostra umanità  sta per iniziare ora.

Auguro a ciascuno di voi di riflettere su ciò che può mettere a disposizione dell’altro e della nostra comunità per partecipare attivamente alla ricostruzione della nuova vita che bussa già alle nostre porte. Allora, a partire da me ….. rimbocchiamoci le maniche e ricominciamo a lavorare! C’è lavoro per tutti!

Auguri a tutti Voi di un sereno Natale ed Anno nuovo!

Monica Campana

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.