Said, fai buon viaggio, e poi perdonaci se puoi.

Said e Claudio, due Italiani, ed io con loro, ma quanti sono quelli che…”Io non sono razzista, però…”.
Ho il cuore triste, sento ululare di gente povera, che vuole qualcuno più povero, da deridere, sento stridor di denti, di chi vuole qualcuno più “ultimo” da far piangere per la sua diversità.
Ma diversi da chi?
Io penso che ogni essere umano va rispettato, non è difficile.
Non è una colpa avere gli occhi a mandorla, essere marrone, verde o a pois.
Non è una colpa amare un uomo per un uomo, una donna per una donna, o sentirsi un essere diverso rispetto ai proprio genitali, non è una colpa credere in Dio, Allah o Budda.
No, non è una colpa.
È una colpa, invece, una grave colpa essere ignoranti, nel senso di ignorare il rispetto, l’educazione gentile che include tutto il bene del mondo, nel tuo stesso mondo.
Io non sono razzista…però
Basta per favore, da domani non ditelo più, e Said, perdonerà anche voi.
Dalla pagina FB 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.