Perché fare volontariato?

Risponderò io a questa domanda, sperando di potervi convincere di quanto sia prezioso fare volontariato.
Sono una ragazza che da poco ha iniziato a fare Servizio Civile Universale nella realtà del Movimento di Volontariato Italiano, a San Daniele del Friuli. Ho conosciuto questo mondo grazie alla scuola, con l’Alternanza Scuola Lavoro, che mi ha permesso di capire cosa si nasconde dietro alle varie associazioni. Tutta la burocrazia necessaria, le persone che ci sono dietro, che stanno diventando volontari o che lo sono già da anni.

Generalmente si pensa che il volontariato sia mirato solo all’aiutare gli altri. Ma vi dirò, non è assolutamente così.
Il volontariato ti cambia, ti fa crescere e ti permette di ampliare gli orizzonti, ti soddisfa, ti fa sentire utile e ti dona tanta felicità.
Non mi credete? Pensate ai vostri nonni, ai vostri amici, vi hanno mai chiesto una mano per qualche cosa?
A me è capitato e, a malincuore, ammetto che spesso aiuto quasi perché devo, ma poi mi rendo conto che lo faccio perché voglio, perché il sentimento che provo mi spinge ad aiutare.
Aiuto perché poi non vedo l’ora di vedere le persone sorridere. È proprio così che ho capito che il volontariato serve a tutti.
Ho assistito ad una riunione con i volontari che mi hanno descritto il volontariato come un qualcosa di indispensabile, un qualcosa che ti riempie la giornata e sopratutto il cuore. Tutti loro, quelli che ho conosciuto, hanno un cuore grande, che acquista un battito in più anche grazie a coloro che aiutano.
Sentirsi soddisfatti, utili, amati…è una sensazione bellissima.

Sarebbe bello convincervi attraverso qualche parola, ma purtroppo le emozioni sono difficili da scrivere e descrivere. L’unico modo per capirle, è viverle. E iniziare ad informarsi è un grandissimo primo passo. Si possono fare molte esperienze nel volontariato, si possono vedere più realtà, dai centri anziani, a quelli di aggregazione, relazionarsi con i ragazzi disabili con le varie e bellissime attività collegate e tanto altro.
Non vi resta che fare qualche clic, qualche semplice clic sulle pagine dedicate e chissà, magari trovate qualche attività che vi piace o per cui vi sentite particolarmente portati.

“Ma non ho tempo”, questo è il primo pensiero che avete avuto vero?
Purtroppo viviamo in una realtà dove il tempo è tiranno. Tra lavoro, famiglia, figli, Covid, impegni siamo sempre di corsa e non abbiamo tempo nemmeno per rispondere ai messaggi.
Io vi chiedo solo una cosa, ora che state leggendo questo articolo, se avete tempo informatevi, utilizzate quei 5 minuti prima di mettervi a letto per prendere il telefono e cercare, leggere. Dormiteci su e poi vedrete che in quella piccola e remota parte del cervello vi ricorderete di questo articolo e delle informazioni lette. Inconsciamente ci penserete su e inconsciamente queste informazioni prenderanno sempre più piede tra le vostre idee principali.
Provateci, fatelo, buttatevi.
Prendetela come una sfida con voi stessi. Avete paura di farlo da soli? Convincete un vostro caro amico a venire con voi, più siete meglio è.
Non sarete mai soli, ci sarà sempre qualcuno a cui chiedere una mano o un sostegno. Perché il volontariato è una piccola grande FAMIGLIA, dove tutti si sostengono e si aiutano a VICENDA.

One comment

  1. Purtroppo manca la cultura del dono che le famiglie che hanno vissuto e procreato durante le due guerre mondiali ci hanno trasmesso. Nonostante mia nonna abbia messo al mondo 9 figli in casa sua c’èra sempre una minestra pronta per il viandante di turno. Dopo la II° guerra quando ero piccolo andavo ad aiutare i vicini per ricostruire e/o costruire le case devastate dai bombardamenti. Qualche volta mi è capitato in dono una fetta di salame. Poi solidarietà per i primi grandi scioperi dei metalmeccanici ( un mese filato di sciopero !) che mio padre sosteneva dando a credito derrate alimentari. Le case di riposo, tenute da preti, senza una lira in tasca, servite a prezzi di costo oppure alimentate con derrate gratis. Ecc…. Il consumismo ed il capitalismo che ora è più che mai vivo, Amazon docet, ci ha portato all’indifferenza ed al fastidio verso chi ha veramente bisogno. Ci voltiamo spesso dall’altra parte. La conseguenza è che lo stato ha fatto un minestrone del non profit con chi, nascondendosi dietro la foglia di fico del volontariato, fa profit. La separazione di queste due categorie è l’unica medicina che potrebbe rivitalizzare il volontariato. I donatori di sangue e di organi sono i veri ed unici volontari no profit. Non dimentichiamo anche “i veci ed i bocia Alpini” che ci hanno fatto risollevare, a proprie spese, dal terremoto del ’76 e da tante altre calamità naturali di cui l’Italia ha il primato per l’incuria dei ns politici. Il vero volontario è quello che da senza ricevere nemmeno un sorriso o un grazie. Buona strada a tutti, giorgio

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.