Sostegno per l’inclusione Attiva

E’ stata presentata la relazione del gruppo di studio istituito presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sulla definizione di una misura universalistica di contrasto alla povertà, che ancora manca nel nostro Paese. Il SIA (Sostegno per l’Inclusione Attiva) proposto è una misura: nazionale. universale e quindi non legata a categorie quali età, disabilità,  mirata sulla povertà, da comprovare con un insieme di indicatori sia reddituali che di consumo,  connessa a percorsi di inclusione e attivazione. E’, nella proposta formulata indirizzata a tutti coloro che risiedono legalmente in Italia. Il criterio è quello colmare, attraverso questa misura, la differenza il reddito complessivo di cui la famiglia dispone e il livello di povertà assoluta definito dall’Istat. Il documento tratta poi alcune questioni delicate connesse alla misurazione del reddito, dagli aspetti patrimoniali, alla verifica dei consumi effettivi per evitare gli effetti della mancata dichiarazione di redditi, alle modalità e periodicità di verifica. La proposta prevede la combinazione di un ruolo dell’Inps come soggetto erogatore e del livello locale per la definizione dei percorsi di inclusione attiva. La parte di trasferimenti economici ha un onere complessivo di circa 7-8 miliardi, in parte recuperabili dalla razionalizzazione di altre misure oggi in essere o da misure fiscali tese ad una maggiore equità. Il SIA, come proposto dal gruppo di lavoro, non è solo, come si diceva, un sussidio economico: “è un programma di inserimento sociale e lavorativo. Come in schemi analoghi adottati in altri paesi, l’erogazione del sussidio è accompagnata da un patto di inserimento che gli individui che appartengono al nucleo familiare beneficiario stipulano con i servizi sociali locali, il cui rispetto è condizione per la fruizione del beneficio. Il patto è differenziato a seconda delle caratteristiche individuali e la sua realizzazione è sorvegliata a livello locale. Le attività di inserimento sono concepite come uno strumento di inclusione e di attivazione sociale, in accordo con la strategia europea di inclusione attiva, articolata sui tre pilastri del sostegno economico, di mercati del lavoro inclusivi e di servizi personalizzati. Assieme all’attivazione sul mercato del lavoro, essa è tuttavia un aspetto irrinunciabile di una politica che non si limiti a sussidiare chi ha mezzi insufficienti, ma cerchi invece di fornire le risorse utili per cogliere le opportunità di diventare economicamente autonomo. In una logica di obblighi reciproci, la responsabilizzazione dei beneficiari e la responsabilità dell’amministrazione nell’offrire adeguati servizi di accesso e di sostegno rappresentano parte integrante della misura.

da News Consorzio nazionale delle Idee in rete

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.