Ricordi di una volontaria

Caro GVC, ti ho conosciuto nel 1993. Allora non avevo ancora compiuto 17 anni e mi è stata proposta l’esperienza del soggiorno in montagna con te ad Asiago. Quando ho accettato, credo di essermi fatta questa domanda: “come è possibile dire di no alla possibilità di condividere il proprio tempo, il proprio io con persone cosi speciali come i ‘ragazzi”? Li chiamo ragazzi perché cosi, li ho sempre chiamati da allora e perché questa parola, per me, è piena di un affetto che non è possibile tenere silenzioso. Sì perché già allora, pur non avendo alcuna esperienza, sentivo che per diventare una persona adulta, “completa” e per conoscere davvero “il mondo” e “l’umanità”, era un’esperienza da non perdere. Mi affascinava tantissimo l’idea di poter partecipare a questo soggiorno e mi affascinava ancor più la possibilità di conoscere le persone che quest’esperienza l’avevano fatta nascere. Ai miei occhi tutto questo aveva e ancora ha del magnifico, dell’incredibile. Ovviamente, prima di partire, avevo una paura folle, senso di inadeguatezza, dubbi enormi sulle mie capacità… ma ci hai pensato tu, GVC, a farmi sentire immediatamente parte del gruppo. Mi hai fatto sentire immediatamente utile e capace, ricca di potenzialità da donare, cosi come facevi e fai con tutti indipendentemente dall’età, dal carattere, dalla provenienza… Di quella magica settimana ormai lontana, ricordo ben chiaramente l’amicizia, l’affetto, i sorrisi e le risate, la gioia, la condivisione, l’amore e l’ unione, mai un attimo di solitudine o di sconforto. Ricordo un po’ di fatica ma quella fatica che ti fa mettere in gioco, che ti fa crescere, che ti cambia, che ti fa tornare a casa diverso da quello che eri e sicuramente migliore. Ora mi rendo conto che oltre a donarti ai “ragazzi” lo facevi anche con i volontari, soprattutto quelli più giovani. Ricordo la carica gioiosa, l’energia inesauribile e sempre positiva, la capacità di confrontarsi anche nelle divergenze di opinione, le enormi competenze su ogni fronte… Era bellissimo vedere fin dove può arrivare un gruppo di persone spinte dall’amore e dalla condivisione, dal rispetto e dall’accoglienza per tutti. Una specie di “vangelo” vivente. Guardando il modo in cui le persone sapevano stare con i “ragazzi”, ricordo di aver pensato che da grande avrei voluto diventare cosi!!! Adesso di anni ne ho quasi 37, ops, sono passati 20 anni. Di soggiorni ne ho fatti ben 8 e ogni volta non ho avuto bisogno di chiedermi se scegliere di andarci o meno. Ora faccio l’educatrice nei centri diurni per disabili della mia provincia di residenza che è Modena da quasi 10 anni: sarà un caso? Una cosa è certa, le sensazioni, le emozioni e gli insegnamenti di quei soggiorni non mi hanno mai abbandonata. La gratitudine per quelle amicizie e quegli insegnamenti, per quegli esempi è ancora dentro di me. La sensazione di non dare mai abbastanza e di volere provare a migliorare il mondo intorno a me vince sempre sulle fatiche e sui pessimismi della vita. L’accoglienza verso l’altro e la voglia di sorridere e ridere con lui non mi abbandona. Non posso dire se di tutto questo sei, in parte, “colpevole” anche tu, GVC, ma una cosa è certa: il mio GRAZIE INFINITO per tutto quello che hai fatto per me e per le centinaia di persone che hai incontrato ~ G.M.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.