Spunti di riflessione- Un “fatto” e 12 punti di riflessione-valutazione

Il fatto

con 85.000 euro di finanziamento la Regione ha messo a bando nel 2021 l’apertura di “Sportelli a sostegno e sviluppo del Terzo Settore” regionale. L’incarico è stato quindi affidato a FEDERVOL FVG ODV e FISH FVG Onlus che gestiranno 13 sportelli che si affiancano al rafforzamento di 4 infopoint attivati dal CSV sempre con fondi della Regione.

punti di riflessione

  1. La Regione, per bocca dell’Assessore Riccardi, valorizza e vuole sostenere “l’esercito di persone silenziose e generose nel loro estremamente prezioso lavoro, soprattutto con attività di aiuto alle persone fragili, anziane e con disabilità”. Una cosa buona.
  2. E’ cosa legittima che la regione, nella sua visione politica e programmatica, lo faccia promuovendo e finanziando “sportelli anti-burocrazia per aiutare il volontariato” (cfr. articoli di stampa di sabato 12 febbraio).
  3. Che l’Assessore Riccardi infine dichiari che “non possiamo privarci di questo grande patrimonio (il numero di volontari) che è un fiore all’occhiello per il FVG e che, come precisa scelta politica, questa amministrazione regionale continuerà a sostenere con forza” è cosa che dà speranza.
  4. Gli sportelli sono “a sostegno del Terzo Settore”, che in regione sono più di 10.000 enti che vanno da grosse imprese sociali a piccole associazioni di Volontariato: nelle dichiarazioni gli sportelli sembrano orientati al sostegno per lo più del volontariato.
  5. In FVG, esiste dal 2001, il Centro Servizi Volontariato, istituito dalla LG 266/1991, valorizzato dalla LR 23/2012 e confermato dal più recente dlgs 117/2017 (cd Codice del Terzo Settore) che, nella sua ventennale esperienza e diffusione in tutti i territori regionali, ha sostenuto le organizzazioni di volontariato friul-giuliane tramite “servizi logistici, informativi, formativi e consulenziali”.
  6. Per precisa normativa di legge, il Centro Servizi Volontariato deve essere gestito in completa autonomia dalle organizzazioni di volontariato e gode di una quota di finanziamento del Fondo Unico Nazionale alimentato, per legge, dalle fandazioni di origine bancaria. Da alcuni anni, alcune attività del Centro Servizi sono state finanziate anche dalla Regione FVG tramite apposite “convenzioni”.
  7. La Fondazione ONC, Organismo Nazionale di Controllo sui Centri di Servizio, il 10 ottobre 2018 ai sensi dell’art 64, comma 5, lettera c) e art 61 commi 2 e 3 del dlgs 3 luglio 2017, nr 117 ha deliberato che in Friuli Venezia Giulia si attivi un unico Centro Servizi Volontariato. Con ciò confermando scelte e prassi attive dal 2001. Tutto questo valutato sempre positivamente da tutti e condiviso dalle stesse Organizzazioni di volontariato regionali.                                                                                              Una nostra valutazione
  8. Considerando i punti fin qui presentati, sentiamo il dovere civico di esprimere la nostra valutazione, non tanto e non solo sul fatto in sé, ma sul significato dello stesso e sul suo impatto nello sviluppo del volontariato, della solidarietà e della vita comunitaria nella nostra regione, restando, per quanto ci riguarda, sempre … liberi di voler essere volontari!
  9. In più occasioni abbiamo proposto e chiesto di ripensare nel loro insieme le politiche e le azioni di sostegno al volontariato e al terzo settore, partendo da una visione di insieme e razionalizzando linee contributive e servizi. La Giunta regionale ha stabilito nella sua legittima autonomia le proprie priorità e orientamenti, senza alcuna concertazione ne confronto.
  10. Nei fatti, così come voluti e presentati, gli Sportelli rappresentano un “doppione” rispetto le attività del Centro Servizi Volontariato che, se valutate insufficienti e/o poco efficaci, poteva essere stimolato a fare meglio e di più, anche con gli 85.000,00 euro utilizzati dal bando, così come era avvenuto negli anni più recenti con le apposite Convenzioni tra CSV e Regione. La scelta di promuovere ulteriori Sportelli è una scelta che divide il mondo del volontariato.
  11. Tra le motivazioni, e conseguenti compiti degli Sportelli, c’è quella di aiutare le organizzazioni di volontariato a districarsi nella burocrazia e nelle nuove regole. In particolare, “nell’accompagnamento per l’attuazione degli adempimenti amministrativi e della presentazione delle domande contributive con le modalità richieste”. Considerato che queste “modalità” sono, per gran parte, stabilite e richieste dagli uffici regionali, non è forse più efficiente semplificare tali modalità?
  12. Gli Sportelli, così come altre recenti decisioni, ci fanno pensare che, in regione, non si voglia, o almeno non si gradisca tanto, un volontariato autonomo, capace di pensieri propri e disponibile a co-programmare e co-progettare (art 55 del CTS) insieme alle istituzioni pubbliche, cercando così di realizzare al meglio la “sussidiarietà” prevista dall’art 118 della nostra Costituzione.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.