Strategie per il futuro dei CSV

Quando i CSV si interrogano per capire e progettare il loro futuro e pensare ad un nuovo volontariato. Si è concluso recentemente il convegno organizzato dai CSV dell’Emilia Romagna dal titolo: “Strategie per il futuro dei Csv in Emilia-Romagna”. I nove Centri Servizio si sono confrontati  sulle strategie per il futuro del volontariato. I risultati sono stati pubblicati su “Strategie per il futuro dei CSV dell’Emilia Romagna. Esiti di un percorso partecipato”. riportiamo alcune considerazione dei partecipanti:
Questo è il momento di cambiare passo: occorre ricostruire un welfare di comunità in cui ognuna delle forze economiche e sociali istituzionali e del terzo settore metta le proprie competenze specifiche per rigenerare coesione e benessere sociale. E per farlo è necessario riconoscere che il volontariato di oggi, anche grazie al lavoro dei CSV, è un movimento moderno organizzato, strutturato che produce benessere a Km 0. In particolare i CSV oggi devono e sanno lavorare su tre aspetti chiave: creare rete e sinergia tra gli attori del territorio;  rafforzare la capacità di advocacy del volontariato e del terzo settore rispetto alle nuove istanze sociali; generare innovazione sociale ossia progettare interventi locali attuali, dinamici e efficaci. In quest’ottica il CCSV dell’Emilia Romagna ha aperto un dialogo a livello regionale e provinciale con Istituzioni, Fondazioni bancarie e con tutti gli organismi che contribuiscono allo sviluppo di comunità”.
“La domanda base da cui sono partiti tutti i ragionamenti dei gruppi di lavoro è stata Quale sarà il Centro Servizi per il Volontariato del prossimo futuro?” ha spiegato Arnaldo Conforti, Coordinatore del CSV di Parma e, insieme agli altri Direttori dei CSV,  facilitatore del percorso partecipato. “Non siamo più di fronte alla situazione degli anni ’80 e ’90 che si rivolgeva a una minoranza di cittadini in difficoltà. Ora ci troviamo di fronte a una maggioranza in grave difficoltà. E questo cambia sostanzialmente le cose. Diventa indispensabile che ogni persona si senta co-responsabile delle condizioni del proprio contesto sociale, che ci sia un impegno collettivo e una forte sinergia tra pubblico e privato. Per fare questo i soldi sono importanti ma non deve essere l’unica risorsa. Esiste un capitale umano, un patrimonio di esperienza e relazioni che posso compensare la riduzione di fondi. E il ruolo dei CSV nel mobilitare il capitale relazionale del proprio territorio credo sia indiscusso”.
Luca Fazzi, Professore di Sociologia all’Università di Trento aggiunge: “ho trovato il percorso del CCSV dell’Emilia Romagna molto all’avanguardia e opportuno perché, oggi, quello di cui abbiamo bisogno è soprattutto un progetto che ci consente non solo di resistere ai grandi cambiamenti che ci si stanno prospettando in modo sempre più radicale, ma anche di capire quale strada intraprendere per continuare a generare qualità di vita. Ciò che deve fare il CSV in questo sistema è capire di cosa ha bisogno il volontariato per diventare un agente di cambiamento e non uno strumento di cambiamento in mano ad altri soggetti territoriali. Rete, advocacy, innovazione progettuale sono il centro della strategia per il futuro del CCSV: una prospettiva evolutiva che può fare dei CSV delle vere e proprie case della comunità ossia i principali progettatori e animatori di comunità”.

fonte CSV Emilia

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.