the hiring chain

Anche se le notizie di queste ultime ore non sembrano particolarmente incoraggianti, ora più che mai è tempo di portare alla luce le notizie buone. Iniziamo da ciò che è più scontato, naturale, ma che dona quella speranza che ci manca come l’aria. Il 21 marzo tornerà la primavera e siamo tutti ad aspettare quell’azzurro, quel verde, quel fiorire che spazza via ogni paura. Ma il 21 marzo è anche la “Giornata Mondiale della Poesia”, proprio ciò che è inutilmente indispensabile in questi momenti. La poesia che restituisce alle parole quella forza generativa di cui abbiamo bisogno. Il 21 marzo ospita un’altra importantissima giornata mondiale, quella della sindrome di Down, anzi a me piace chiamarla la giornata mondiale delle persone con la sindrome di Down, perché non (mi) ripeterò mai abbastanza che dietro a una diversità si nasconde sempre una persona. Ce lo ricorda anche il nostro Presidente Mattarella avendo nominato “Alfiere della Repubblica” Antonio, un giovane ragazzo di Padova con sindrome di Down, per la sua disponibilità e generosità nell’aiutare gli altri.
È questa la logica virtuosa delle buone notizie: se conosci, se incontri, allora cambi, agisci.
Proprio per raccontare questa dinamica il CoorDown, Coordinamento nazionale associazioni delle persone con sindrome di Down, ha lanciato la campagna di sensibilizzazione internazionale “The Hiring Chain”: per affermare che assumere una persona con sindrome di Down cambia la vita non solo al diretto interessato, ma può innescare un circolo virtuoso di nuove opportunità per tutti. Non manca la poesia, questa volta in forma di musica, con una canzone originale composta per l’occasione e interpretata da quel gigante che è Sting. Potete vederla e ascoltarla qui. Il senso è che più le persone con la sindrome di Down saranno notate anche nei posti di lavoro, più saranno riconosciute come validi lavoratori, portatori di valore, e più verranno assunte.
Il lavoro è una dimensione davvero importante. Sentirsi indipendenti, contribuire al crescere della nostra società, avere un reddito, conoscere e incontrare persone, acquisire nuove competenze e sentirsi apprezzati come donne e uomini, beh… non ci riguarda tutti? Le persone con sindrome di Down vogliono esattamente quello che vuoi tu e l’unico modo per abbattere pregiudizi e barriere è creare occasioni di incontro, vedere con i propri occhi le potenzialità e i benefici di una vera inclusione lavorativa. Semplicemente questo perché più ci incontriamo, più ci raccontiamo e più la catena virtuosa diventiamo tutti noi.

di Guido Marangoni

2 comments

  1. Qui nel “paesino” dove abito, un po’ meno di 3000 abitanti ci sono tre persone down, due seguono corsi di yoga e zumba simpaticissime e sono integrate nella società in modo meraviglioso. Quando conosci queste persone ti conquistano subito e le apprezzi. La terza, relegata con i genitori anziani, forse per pregiudizio immagino. C’è ancora tanto da fare. Gpaolo

  2. Tutto parte dalla nascita, anzi dal concepimento più o meno consapevole di due persone che di norma dovrebbero essere due adulti.
    Nel momento in cui si desidera mettere al mondo una creatura, non ci dovrebbero essere ne “se” ne “ma”,
    invece iniziano tutte le ansie di questo mondo…. entro i tre mesi non si può dire niente, nessuno deve sapere perchè sono alte le probabilità di aborto, poi la “morfologica”, poi l’amniocentesi (48 ore a riposo per diminuire le possibilità di aborto)…
    Il fatto è che oggi come oggi , l’amore che dovrebbe essere inteso come donare senza condizioni è molto raro, lo era sinceramente anche 55 anni fa, quando sono arrivata io…. le prime persone a tarparti le ali a questo mondo sono i genitori e la famiglia in cui vieni al mondo, che se non ti offre una possibilità, se ti etichetta come una bimba che stenta, che non ce la fa, non è necessario che tu sia una portatrice di handicap, o abbia un ritardo mentale più o meno lieve… per loro sei comunque all’interno di quella categoria, se poi qualche pregiudizio arriva anche dagli insegnanti, apriti cielo, sei etichettato per la vita, l’unica possibilità che hai è allontanarti da quel mondo e da quei pregiudizi appena puoi, appena riesci a trovare dentro di te la forza per farlo… per ripartire per darti una possibilità di imparare a volare se fino a quel momento l’hai fatto solo raso terra.
    L’amore dei genitori e/o della famiglia, la loro fiducia in quella creatura, la loro capacità di prendersi cura del nascituro con le attenzioni e le cure necessarie, è una fucina dalla quale può uscire un capolavoro che sia una persona down, o ci sia qualsiasi altro neo alla perfezione che tutti sognano ed a cui anelano, altrimenti, cari miei è un inizio duro per tutti, anche per quelle creature che nascono con tutti i geni “a posto”.
    Sono gli altri che ci etichettano, che pongono dei limiti, che ci fanno dubitare di noi stessi, e quando siamo piccoli non abbiamo strumenti per controbattere…
    E’ un terno al lotto, i bimbi down, sono delle persone come altre, hanno dei limiti ma anche delle capacità che se coltivate possono offrire loro una vita serena e ricca…
    I limiti non stanno nell’individuo ma in chi ha in mano la responsabilità della vita e non sa vedere il bello che c’è in ciascuno e coltivarlo giorno per giorno.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.