Un altro modo di essere volontari

Siamo una piccola associazione e ci definiamo “anomali” o “oltre le righe”, poiché siamo tutti lavoratori con relative famiglie, impegnati a perseguire un progetto di aiuto con un piccolo paese africano…conosciuto per caso, se il caso esistesse.

Ci definiamo anomali anche per la nostra concezione del volontariato. Non siamo strutturati,ne organizzativamente ne economicamente, per avere dei volontari, così come concepiti nelle conosciute associazioni che operano nell’ambito del sociale sul territorio e nel mondo. I nostri viaggi sono tutti a carico personale, sempre, due volte all’anno dal 2007. Noi consideriamo “volontario” già chi si aggrega ai nostri viaggi utilizzando la nostra stessa compagnia aerea, perché così facendo la compagnia garantisce la disponibilità di ulteriori 60kg di overweight a partecipante. I nostri volontari sono coloro che ci sostengono economicamente, facendoci conoscere ad amici e conoscenti, promuovendo la devoluzione del 5×1000, mettendoci talora in relazione con altre associazioni operanti nel nostro contesto o con società/ditte e quant’altro potrebbe potenzialmente finanziare i nostri progetti.

Due volte all’anno ci guardiamo in tasca e ci chiediamo: bene, al prossimo viaggio cosa possiamo realizzare?

Per la nostra idea di Volontario, chi viene con noi, a seconda dei progetti che realizziamo, può semplicemente presenziare ad un evento sportivo che organizziamo come “staff” (soprattutto qui a Milano, vedi gli sbandieratori per la Milano City Marathon, il banco alla Strasingle ecc), oppure può venire a riordinare il materiale che consegniamo all’asilo, al dispensario o alla Primary School. Quest’anno, ad esempio, saremo molto impegnati nelle attività sportive. A breve ne daremo comunicato su FB. Per noi fare“turismo consapevole” è una forma di volontariato. Noi non andiamo a “fare”, noi andiamo a promuovere idee di miglioramento e crescita (nel nostro piccolo), lanciamo un progetto, proponiamo come realizzarlo, raccogliamo i fondi e poi li investiamo nella gente del luogo. Poiché la realtà in cui operiamo non è grave come in molte altre zone lì vicine, ci sentiamo liberi di impiegare ogni nostra volontà e sforzo nel suggerire un pensiero di sviluppo a lungo termine da integrare al loro meraviglioso principio Hakuna Matata. ECCO, QUESTI SIAMO NOI. Valutate voi se, alla luce di queste righe, possiamo incontrare o meno il vostro desiderio di fare volontariato.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.