volontariato a New York

La società ha già impresso con la forza “Y Generation” sulla fronte, alla vista del quale le vecchie generazioni fermarsi e setacciare i pavimenti in cerca del mio ciuccio. La mia generazione è (presumibilmente) l’innovativo, ma gli impazienti, la smart ma l’egoista. Così, nel tentativo di evitare di parlare della massiccia “Y” sulla mia faccia, mi è più facile parlare del mio secondo marchio indelebile: “volontariato”.

Ho 22 anni, dedicando il mio primo anno di college per un programma di servizio nel Bronx, New York. E anche se non è sempre facile mantenere le cose semplici a New York, mi sia sempre molto creativi quando si tratta di fare tratto venticinque dollari in una settimana intera, o di ottenere abbastanza diligente a mantenere intatto tutto lo stipendio fino al weekend in modo da non essere il caso carità in una gonna di paillettes venire Venerdì sera.

Anche se le mie spese di soggiorno principali sono coperte, la recessione non è esattamente prendendo facile su di me. Ho ancora, tutti i giorni il servizio sveglia dai 60 mila dollari di debiti del college che hanno preso la residenza permanente alle calcagna. Sono ancora alle ginocchia nel fango di una economia fangoso accanto i miei coetanei, sentendo il freddo evitare di un mercato del lavoro che si è dimostrato di essere piuttosto avaro con i giovani e pieno di speranza.

Quando la gente sente “volontario”, hanno immaginare una ragazza con le tasche vuote e un cuore completo con la testa sui cuscini di nuova fluffed di speranza e cambiamento ogni notte. Non voglio discutere contro il cuore pieno, e mentre lo faccio fare i desideri per la pace mondiale di tanto in tanto, di solito solo trovare spazio per la speranza che i miei colleghi ed io usciremo da questa recessione, avendo imparato qualcosa di prezioso, dopo averlo preso come la possibilità di essere innovativi, motivati ??e out-of-the-box con quello che siamo in grado di offrire al mondo, se il mercato del lavoro ha le sue braccia aperte per noi o (più probabilmente) non.

“Ci puoi entrare in quel libro tutti parlano?” Lei mi guarda con la speranza che avrei potuto capire.

“Il libro?”

«Sì, quel libro sul computer.” Si asciuga il naso di un bambino, raggiungendo tra i coperchi di plastica scatola di cereali peeling sul carrello alimentare. “Tu sei bravo con i computer, vero?”

“Vuoi dire Facebook?” Chiedo.

“Sì! E ‘quello! Tutti continuano a dire che abbiamo bisogno. “

Due settimane dopo il mio anno di volontariato, mi sono trovato a prurito per maggiori opportunità di servire nel quartiere circostante.

Mentre i miei tre compagni di stanza altri lavorano nell’insegnamento Bronx inglese agli immigrati e di coordinare le attività quotidiane per le donne senza fissa dimora e dei loro figli, il mio lavoro di volontariato si svolge in un ufficio sulla 43esima strada, lavorando per il mio programma, organizzazione non governativa. Su base giornaliera, il mio lavoro sarebbe stato lontano dal borgo che ho desiderato di conoscere al di là della settimana o due che ho speso per viaggi alternativi vacanze di primavera in un college.

La voglia di avere più familiarità con il quartiere mi ha portato a Suor Margherita e il suo centro di vita comunitaria solo una strada di distanza dal mio appartamento nel Bronx, un luogo che potrebbe facilmente dare ore libere per quando il mio lavoro a Manhattan non è stato impegnativo un solido otto ore la mia giornata.

Suor Margaret è il direttore esecutivo di un centro di vita comunitaria che funge anche da sistema nervoso collega le persone in tutto il quartiere Fordham. L’ho incontrata di persona, dopo, per la prima volta da quando avevo 12 anni, una ricerca su Google mi ha fallito e ha prodotto nessun risultato, nessun numero da chiamare, nessuna e-mail da contattare. Il motore di ricerca sputò indietro di un blog che non era stato aggiornato dal 2008, ma doveva bastare per un centro che serve più di 2000 persone ogni giorno con tutto, dai servizi di immigrazione agli alloggi.

Abbiamo parlato per un po ‘sul tempo avrei potuto darle e il ruolo che potrebbero svolgere. Mi ha offerto un posto come assistente insegnante, passavo il mio tempo guidare i bambini in bagno e di pompaggio disinfettante per le mani in una girandola di piccole mani.

“Posso cantare canzoni. Posso ballare. Posso colorare. Posso fare tutto ciò che avete bisogno di me, “le dissi. «Ma», continuai, deglutizione difficile. “Hai bisogno di aiuto con il tuo sito web?”

E quello era il momento, il primo momento da quando è arrivato nel Bronx, dove non ho più sentito come un volontario impotente che avrebbe lasciato in 12 mesi senza aver avuto un impatto. Per una volta non stavo seppellendo in un mucchio di problemi sociali senza risposte prevedibili, o imbronciato per il fatto che mi avrebbe portato tutto l’anno per portare alla luce solo le domande che avevo sulla povertà nel Bronx. Avevo iniziato il mio quilt proprio scopo: costruire un nuovo sito web per il suo centro di vita, per ottenere il suo “in quel libro,” allacciare le fila dei social media con le corde del bene sociale.

Se la mia generazione sa una cosa molto bene, è social media. Sappiamo che l’utilità di Facebook e come mettere un sito WordPress in dieci minuti netti. Otteniamo l’impatto di Twitter e possiamo etichettare come se fossimo tornati a scuola elementare ei lampioni non era successo ancora. Ci sono state sollevate con le dita clicca ticchettio su superfici diverse allo stesso tempo, e anche se l’adulto media ci dipinge come motivati ??self-starters oscillare attorno ad alcuni problemi seri di rivendicazione della titolarità in questa cattiva economia, tendo a credere che sono sempre abbastanza bene in questo intero “spingere in avanti” il movimento, trasformando i nostri riprende da bandiere bianche in aeroplani di carta.

«Che cosa vuoi che la gente sappia quando guardano il sito?” Le chiedo tra le note scarabocchiare e colori possibili su un tampone fresco di carta gialla. “Al di là di un tema o il layout, cosa vuoi che vedano?”

Ci sono strette in uno spazio minuscolo ufficio che ha fatto per me, ufficialmente di intraprendere un processo di branding e di identità per il suo centro la vita, ma ho già notato come questo piccolo, scrivania ingombra e vecchio computer salutarmi molto meglio che la mia scrivania in Manhattan. Lo spazio che ha fatto è accogliente e caldo, la superficie del legno viene rifornito giornalmente con immagini, opuscoli, e documenti nel corso degli anni per aiutarmi a capire la storia del lavoro Suor Margaret nel Bronx.

“Che noi non aiutano la gente qui,” dice, facendo scorrere le dita lungo la copertina di una revisione annuale creato dieci anni prima, prima di raccoglierlo per sfogliare le pagine. “Voglio che sappiano che noi aiutare le persone ad aiutare se stesse. Possiamo dare loro i servizi, ma lo fanno il resto. “

Lei va a dirmi come il centro ha iniziato 30 anni fa con una sola tazza di zuppa e un rotolo, come aiutare un individuo attraverso una mensa per i poveri ha portato a sei organizzazioni tentacolare e dando tutto il Bronx.

Anche con tutti i tagli implacabili nei servizi sociali, Suor Margherita conserva ancora la sua visione per il centro in ottime condizioni, come se avesse aperto le sue porte proprio ieri con la zuppa di pollo noodle e un rotolo in mano.

“Mi piacerebbe vederci aprire un vivaio per il futuro. Questo è uno dei miei sogni, per essere in grado di estendere l’infanzia per i neonati. “Sono scribacchiare le sue parole furiosamente sul blocco di carta gialla, le mie dita doloranti per annotare ogni sogno che scava davanti a me, ogni piano ha ancora per la centro anche in un’economia dolorante.

Durante le settimane di collaborazione e di pianificazione, tracciando un look tutto nuovo e un sito interattivo, ho appreso che Suor Margherita è un esperto di battere i cuori. Lei capisce il lento, ritmo sinfonica di una donna che ha appena perso il lavoro e non possono permettersi di pagare l’affitto o nutrire i suoi figli. Lei sintonizza i battiti veloci e stridenti di una fuga precipitosa di quattro anni, mentre si riversano fuori nel parco giochi dopo il sonnellino. E il timore di tutto ciò è come riesce a tradurre ogni singolo battito, veloce o lento, in un servizio sociale per chi ne ha bisogno. La donna è un maestro quando si tratta di battiti cardiaci corrispondenza con i servizi sociali, ma lei non sa niente di social networking online. Questo è dove la recessione sta colpendo il centro della vita il più difficile. Suor Margaret lotta con denaro, borse di studio, e tagli nei finanziamenti, il tutto nel tentativo di tenere il passo in un mondo che aggiorna il suo status ogni cinque minuti. Si occupa di centinaia di persone in carne e ossa tutti i giorni, ma cade vittima di una società che pensa di avere bisogno di un sito web migliore.

Ma in nome del servizio e quello che ora so di essere la compassione, noi due, che coprono quarant’anni di distanza, prendere tempo ogni giorno per insegnare l’un l’altro. Lei mi insegna a rimanere fissato sul battito cardiaco, anche in un’economia che ipnotizza con segni dollari. Ho insegnarle i suoni dei social media tubare nell’orecchio, la bellezza Zen di una configurazione minimalista su un sito web, il potenziale pulsante di una pagina vuota Tumblr. Insieme mostrano l’un l’altro che cosa è all’interno della scatola e insegnare come usarlo a lavorare fuori. Lavoriamo per chiudere un gap generazionale ed economica con battiti cardiaci e tag hash, ogni singolo giorno.

“Si può cambiare questa descrizione del lavoro per me?” Mi porge il pezzo di carta computer. “Digli che ti voglio. Tutto quello che hai fatto, voglio di nuovo. “

Ha bisogno di aggiornare la descrizione del lavoro della posizione che ho tenuto negli ultimi sei mesi e rispedirlo ai miei supervisori dei volontari del prossimo anno. Non ho fatto nulla di cui la prima descrizione e così ho redigere uno nuovo, pieni fino all’orlo con la mia stessa speranza ha aggiunto che il volontario prossimo sarà come abbastanza competente scorciatoie da tastiera per mantenere la messa in rete on-line di questo centro di vita a galla.

Un legame nodo allo stomaco come penso di lasciare questo posto, di un altro qualcuno che nel mio posto e imparare a legare tutto ciò lascio disfatto, ma penso a tutti i progressi che è emerso da questo primo anno, un anno che ho pensato sarebbe solo un periodo di attesa. Ho pensato di aspettare che la tempesta della recessione, come ho bloccato fino a quando il mercato del lavoro ha scelto di abbracciare me e la mia generazione. Ma non era il modo in cui ha funzionato.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.