Un nipote senza nonni è più triste

Un nonno o una nonna a cui tenere compagnia in questo momento difficile: è questo l’obiettivo di una casa di cura inglese. L’iniziativa esiste già da un anno, ma l’intento iniziale era quello di far sentire meno soli i nipoti senza nonni. Con l’emergenza coronavirus in corso, il progetto è stato in parte riformulato ma sta avendo grande visibilità. Si dice sempre che è meglio essere soli che male accompagnati, ma c’è una fascia d’età che sta risentendo più di tutte dell’attuale emergenza sanitaria. Tanti anziani sono soli visto che la quarantena serve a scongiurare il loro contagio. Per rendere meno complicate le giornate che stiamo vivendo a causa del coronavirus, una casa di riposo ha promosso l’iniziativa “Adotta un nonno”.
Si sta parlando della CHD Living, struttura che ha sede a Surrey, a sud di Londra: la campagna è stata lanciata per sconfiggere la solitudine che attanaglia i residenti più in là con gli anni di questa località britannica. A dire il vero, il progetto era stato presentato lo scorso anno e ora ha assunto un significato ancora più forte e simbolico. In quel caso, i bambini che non avevano un nonno da coccolare o con cui chiacchierare, potevano incontrare quelli ospitati dal centro.
Ora l’adozione è diventata virtuale. Bisogna mantenere le distanze sociali e la compagnia al nonno di turno è più gradita che mai. I promotori della campagna hanno sottolineato nuovamente quanto siano fondamentali le relazioni interpersonali, quindi i giovani non dovrebbero dimenticare i più anziani. Come si può sfruttare tutto questo ai tempi della pandemia? Non ci possono essere ovviamente contatti, ma le videochiamate consentiranno ai volontari di mantenere i rapporti tra il nonno prescelto (uomo o donna come è normale che sia) e i ragazzi desiderosi di offrire compagnia.
L’intento iniziale era quello di rendere più allegri i nipoti senza nonni, ora i ruoli si sono invertiti e sono i pazienti attempati della CHD Living ad avere necessità di una telefonata o di uno scambio di opinioni (Leggi anche Anziano cacciato da casa di riposo: aveva una prostituta sotto al letto) . Alla fine aveva pur sempre ragione Nonno Libero (alias Lino Banfi) quando ricordava “Quello che tu sei io ero, e quello che io sono tu sarai”.

One comment

  1. Bellissima iniziativa. Io e mia abbiamo adottato nel vero senso della parola, una nonna, mia suocera. È un cosa impegnativa, vediamo che è serena non si rende conto della grave situazione COVID e i nipoti, con le dovute precauzioni, vengono a salutarla. Basta un saluto per renderla felice. Penso che l’iniziativa sia veramente valida

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.