UN SERVIZIO GRATUITO MA SENZA DIMENTICARE L’ADVOCACY

Movità 27-2010 del 22 luglio

“Il volontariato ha nel suo Dna la coscienza di essere un servizio realizzato gratuitamente a vantaggio della comunità, con particolare attenzione alle fasce più deboli e a rischio di emarginazione”. Questo ha affermato Giuseppe Pasini, presidente della Fondazione Zancan di Padova, in un recente convegno organizzato dal CSV di Brescia.
Parlando di una ricerca realizzata dalla Fondazione stessa – dal titolo “Il futuro del volontariato”, che ha visto il coinvolgimento di 1.424 volontari , per capire cosa pensavano del loro ruolo nella società contemporanea –  Pasini ha affermato che “ci si deve rendere conto che oggi coesistono un incremento della povertà e l’assenza di un piano per combatterla. La sofferenza più grande delle famiglie sta nel sentirsi condannate all’attuale stato di povertà. Di conseguenza le associazioni che si limitassero a svolgere un’azione di pura assistenza rischierebbero, al di là delle buone intenzioni, di rafforzare la permanenza di una zona di povertà di proporzioni consistenti”. È pertanto fondamentale che il volontariato “consideri costitutiva della propria esistenza la funzione di advocacy, ossia l’impegno di promozione e di tutela dei diritti. La testimonianza personale dei volontari è senz’altro preziosa, ma è insufficiente a modificare gli squilibri del Paese e a salvaguardare i diritti delle persone”.
Il volontariato del 2010 si confronta soprattutto con due difficoltà: la prima è l’assenza di collaborazione e di lavoro in rete, la seconda è costituita dal difficile rapporto con le istituzioni, dalle quali i volontari talvolta si sentono strumentalizzati. Per risolvere questi e altri problemi, “il volontariato deve prendere coscienza delle proprie reali potenzialità ma anche dei propri limiti. È indispensabile uscire da ogni tentazione di isolamento e ricercare alleanze con le altre associazioni di volontariato, ma anche con altre realtà non profit”.
“Infine – conclude Pasini – il volontariato deve apprendere l’arte di valutare la propria attività, i risultati del proprio intervento, l’impatto della propria azione e della propria presenza nella modifica della cultura e nel miglioramento delle politiche sociali”.


La redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.