5 PER MILLE PER IL TERREMOTO IN ABRUZZO?

Movità 13-2009 del 15 aprile

Ricorrere al 5 per mille? Assolutamente no. E non perché non siamo solidali con i terremotati dell’Abruzzo ma perché sarebbe un modo distorto di utilizzare fondi finalizzati alla sussidiarietà. Attingere al 5 per mille significherebbe innescare una guerra fra poveri, perché è proprio di quei fondi che si avvalgono le associazioni per contrastare l’emarginazione e la povertà.
Sarebbe possibile solo a ben precise condizioni: che i fondi non restino immobilizzati per lungo tempo, come avviene oggi, e che siano dati in gestione all’associazionismo che interviene nel terremoto. E’ necessaria in particolare, come ci ha insegnato l’esperienza del Friuli, una crescente animazione delle tendopoli dove la qualità della vita è oggettivamente precaria. Animazione che deve andare avanti per mesi, attraverso in particolare il volontariato, che ha una sensibilità e una capacità derivanti da una lunga formazione ed esperienza.
Comprendemmo nel ’76  che il compito del volontariato era precisamente quello di sostenere moralmente i terremotati, contribuendo al ripristino della vita quotidiana. Strategica fu l’intuizione dell’allora direttore della Caritas italiana, mons. Giovanni Nervo, che inventò i gemellaggi tra 80 diocesi ed altrettante parrocchie, provvedendo anzitutto all’installazione dei centri della comunità, dove si pregava ma dove si facevano anche le assemblee popolari, le feste, molte altre attività delle comunità.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.