Un volontariato gratuito per il cambiamento…

Un po’ per ragion di tempo ma molto per stimolare i nostri lettori vi proponiamo la seconda delle sei tesi in attesa della assemblea del MoVI il cui titolo recita:
“UN VOLONTARIATO GRATUITO PER IL CAMBIAMENTO SOCIALE” con il sottotitolo: IL VOLONTARIATO E’ PRESENZA ATTIVA, ORGANIZZATA, SOLIDALE E GRATUITA DI CAMBIAMENTO SOCIALE E DI LOTTA ALLE INGIUSTIZIE. RESTIAMO LIBERI DI VOLER ESSERE VOLONTARI!
Perché crediamo in un volontariato libero, spontaneo e gratuito, che si impegna per il cambiamento sociale, per agire alla radice dei meccanismi e rimuovere gli ostacoli che generano ingiustizia, violenza ed esclusione. Agiamo gratuitamente, perché il disinteresse sia la prova della nostra buona fede e per essere liberi di assumerci fino in fondo la responsabilità delle nostre azioni, senza condizionamenti. Ma vogliamo che il volontariato abbia un ruolo specifico del volontariato nel Terzo Settore, anima critica, sentinella dei valori, innovatore e sperimentatore competente. Rifiutiamo l’idea, che sembra sempre riemergere, di un volontariato “utile” e strumentale, che fa del bene senza farsi troppe domande. Rispettiamo troppo il lavoro per essere considerati banalmente “manodopera gratuita”. Impegno forte per ricercare la competenza e a promuovere la formazione e la comunicazione quali strumenti indispensabili per dar forma alla comunità che si sogna, per progettare azioni concrete di solidarietà, per condividere i percorsi con altri compagni di strada, per riaccendere la passione civile.
E ora ci chiediamo e vi chiediamo: “Crediamo davvero nel valore della formazione, dello sviluppo delle nostre competenze per un volontariato di qualità e non un mero volontarismo ?” e ancora :” E’ pensabile sostenere un’organizzazione che deve crescere solo con la liberalità e l’impegno gratuito?”

One comment

  1. Un articolone interessante, pieno di idee che condivido, però credo che in queste attività di volontariato ci debbano essere anche persone impegnate a tempo pieno, per la continuità organizzativa. Sicuramente i ” giovani anziani ” volontari possono fare tantissimo, ma una persona di 30/50 anni non può vivere di volontariato e credo con le sue forze, idee , coordinamento e slancio proposito possa essere pagato come un normale lavoratore. Pensionato volontario + che decennale 👴🏻👍

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.