Una bella esperienza con il servizio civile solidale

Mi chiamo Patrick ho 17 anni. Quest’anno ho dedicato l’estate a fare Servizio Civile Solidale in un progetto del MoVi. Tra le diverse attività a cui ho partecipato, quella che mi ha interessato di più, è stata quella in casa di riposo. In casa di riposo si possono fare tante cose ovviamente rispettando le difficoltà degli anziani con patologie diverse ed è molto divertente perché si può giocare a carte a bocce e andare al mercato al mercoledì mattina. Gli anziani diciamo sono come dei bambini, vogliono le carezze e a volte, loro ti danno i baci sulla mano. Ad alcuni può dare fastidio, ma a me no, perché in quei volti vedo mia nonna, soprattutto in una signora di quasi 100 anni che gli assomiglia molto. Il martedì pomeriggio portiamo gli anziani al parco Kennedy a fargli vedere i bambini a giocare e anche a fargli prendere una boccata d’aria e a bere qualcosa.
Se un anziano vi tiene d’occhio e vi dice di fare le valigie per tornare a casa sua voi ditegli di si se no si agita. Poi ci sono le vecchiette che appena vedono un ragazzo gli vengono gli occhi lucidi e li è una bella emozione perché ti fanno tenerezza. E’ una bella esperienza perché conosci persone nuove: non solo gli anziani ma anche le animatrici e i volontari che sono in casa di riposo e sono tutti simpatici. Ovviamente la casa di riposo non è un ritrovo di amici: siamo li per  imparare a socializzare con persone più grandi di noi e perché abbiamo scelto di dedicare il nostro tempo agli ospiti della casa. La cosa più importante è portar rispetto. Dentro la struttura non si deve fumare, in particolare davanti agli ospiti perché è una mancanza di rispetto nei loro confronti e si possono offendere o addirittura arrabbiare. Se chiedete agli anziani se vogliono giocare a carte loro ti diranno di no ma sono lo stesso felici che glielo avete chiesto. Il giovedì pomeriggio si gioca all’aperto a bocce ma il gioco è simile al bowling perché consiste nel far cadere più birilli possibili. Prima di iniziare facciamo sedere gli anziani, poi li dividiamo in quattro squadre e infine incomincia il gioco. Il mio compito era di tenere a mente i punti fatti da una squadra e poi scriverli in un foglio. La mia squadra preferita erano i Muses Talianes che tradotto in italiano significa “asine italiane” e questa squadra in una partita ha fatto più punti delle
altre squadre. Mi sono stupito di vederla vincere perché i componenti erano solo donne.
È una fantastica esperienza in casa di riposo vi consiglio di provare!

Patrik

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.