UNA COPERTA STRETTA E IL TRAMONTO DEL DIALOGO

Movità 36-2010 del 21 ottobre

Vi segnaliamo il comunicato stampa congiunto, scritto da alcuni organismi di rappresentanza nazionali del volontariato, che commenta una proposta di modifica della legge nazionale sul volontariato.

“Il Forum del Terzo Settore, la Consulta Nazionale del Volontariato presso il Forum, la Convol – Conferenza Permanente Presidenti Associazioni e Federazioni Nazionali di Volontariato e Csv.net – ossia l’intero panorama delle organizzazioni che in Italia rappresentano il mondo del volontariato e del privato sociale – esprimono profonda preoccupazione e dissenso in merito alle ipotesi di modifica della Legge quadro del Volontariato (n. 266/91) attraverso l’art. 5 del Progetto di legge n. C41 (territori montani).
Preoccupa fortemente che le norme che si stanno definendo utilizzino risorse ordinarie, già destinate al volontariato, per altre attività, quantunque significative.
Il fronte di impatto maggiore è l’abnorme ampliamento del numero di fruitori dei Centri di servizio per il volontariato , istituiti dall’art.15 della Legge 266/91 per sostenere l’attività delle organizzazioni del volontariato (oggi circa 40.000 tra iscritte e non iscritte ai registri regionali).”
Sembra che siano davvero tramontati (speriamo non per sempre) i tempi in cui, prima di mettere mano alla riforma di una legge, la politica ascoltava le “parti sociali” interessate. Con percorsi trasparenti e democratici, dal dialogo nascevano norme condivise: non per forza che trovassero tutti d’accordo che è anche giusto che chi governa, quando serve, si assuma la responsabilità di decisioni che scontentano qualcuno. Ma almeno si poteva capire quale fosse il ragionamento, la logica, la visione sottostante alle scelte discusse e dibattute sul cammino per costruire la norma.

leggi il comunicato intero


La redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.