G8 PRO E CONTRO

Movità 26-2009 del 15 luglio

Concluso il vertice dei grandi della terra, tra contestazioni e plausi, come consueto. Una kermesse in cui si è parlato dei grandi temi e problemi del mondo. Solo un assaggio per invogliare i cittadini a informarsi anche su cose che altrimenti ci possono sembrare distanti! E invece hanno a che fare con la vita e il futuro nostro e di miliardi di persone.

Pro: “sulla giusta direzione. Siamo partiti da una crisi finanziaria che ha preoccupato tutti e che potrebbe, come tutte le crisi, produrre un senso di egoismo, quello che porta cioè ad occuparsi solo dei problemi casa propria. Invece, abbiamo un inizio di 15 miliardi di dollari dedicati a combattere la fame nel mondo, tramite sostegni all’agricoltura e, come ci auguriamo, anche a chi attualmente non è capace di sfamarsi. Anche l’Enciclica di Sua Santità ha dato un messaggio in questa direzione e mi pare che sia stata ascoltata. In conclusione, questo summit mi sembra particolarmente positivo, proprio perché partiamo da un retroterra in cui ci si aspettava egoismo” (Staffan de Mistura, direttore esecutivo del Pam, il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite: www.liberainformazione.org/news.php?newsid=8227).

Contro: “un grande vertice che ha inevitabilmente segnato la fine stessa del G8 come organismo credibile in grado di gestire gli affari e i problemi che riguardano il mondo intero”, “il G8 ha dovuto fare i conti con crisi economica,  guerre, povertà, diritti violati e ha capito che non può più fare in solitudine”, “c’è la necessità di dare nuovamente forza ad organismi preposti ad esercitare la sovranità su questi temi – organismi come l’Onu. Lo ha detto ieri anche il presidente della Repubblica Napolitano – sottolinea Lotti – non si può pensare che in pochi siano capaci di dettare le regole che valgano per tutti” (Flavio Lotti, coordinatore della Tavola della Pace: www.liberainformazione.org/news.php?newsid=8227).

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.