VOLONTARIATO ATTORE DELLO SVILUPPO LOCALE

Movità 30-2008 del 18 settembre

Per un volontariato che intenda essere effettivamente «capitale sociale per lo sviluppo locale», si pone la necessità di superare la logica di organizzazioni che hanno a cuore solo l’erogazione di servizi e proiettarsi in una prospettiva di coinvolgimento pieno ed effettivo nella costruzione di un modello sociale di welfare complessivo, a partire dalle scelte strategiche da compiere e dalle risorse da mettere in campo.
A tale prospettiva occorre lavorare insieme alle istituzioni pubbliche, affinché queste siano avvertite e coinvolte nella considerazione e valorizzazione del ruolo del volontariato, dando effettiva attuazione al principio di sussidiarietà e facendo in tal modo del volontariato un partner a pieno titolo, soggetto attivo anche nella fase della programmazione, della verifica e del controllo.
Solo con tale duplice ma coincidente azione credo sia possibile lavorare per uno sviluppo locale che sia condiviso e rispondente ai bisogni dei cittadini e valorizzare quel capitale sociale che il volontariato, insieme alle altre espressioni del terzo settore, rappresenta oggi nella nostra realtà territoriale e in generale nella società italiana ed europea.


Da “sfide per il volontariato attore dello sviluppo locale” di E. Rossi in Studi Zancan n° 6-2004

La redazione di Info-MoVI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.