Volontariato e gratuità come dono

La gratuità, insieme alla solidarietà, rappresenta il fondamento etico del volontariato, ne qualifica il modus operandi e lo distingue da tutte le forme di azione sociale.Non a caso l’organizzazione di volontariato è l’unica realtà del Terzo settore che non può remunerare in alcun modo i propri aderenti né avere ricompensa o rimborso dai beneficiari delle prestazioni che offre.D’altra parte il volontariato non è solo “socialmente utile”-l’utilità sociale è il paradigma di tutto il terzo settore-ma è anche “eticamente necessario” come soggetto che testimonia valori e che crea legami sociali,beni relazionali e“capitale sociale”. Attraverso la gratuità il volontario “dona” il proprio tempo e la propria competenza per fare qualcosa di creativo e di utile per gli altri,perla comunità di appartenenza o per l’umanità intera.Ciò significa“farsi carico”, “sentirsi responsabili” rispetto a qualcuno o a qualcosa con cui si è in relazione non strumentale ma autentica e tale da fondare condivisione e reciprocità.Senza dono di sé agli altri-come nel caso in cui si offre semplicemente del denaro-vi è filantropia, non volontariato.La logica  del dono si caratterizza per la sua finalizzazione all’altro in un’ineliminabile risultato di socialità e di relazionalità.E’ in virtù di questa specifica “missione” che il volontariato si caratterizza come spazio concreto e simbolico del dono che come tale non può prescindere dalla gratuità.D’altra parte il volontariato non esiste per sé, per i volontario per le loro organizzazioni, ma esiste in funzione degli esclusi e delle comunità per le quali si prodiga e a cui deve dare conto del proprio operato.E’ questo il fondamento del dono, il suo statuto reale.

leggi tutto di Renato Frisanco Fivol

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.