VOLONTARIATO E RAPPRESENTANZA: COMINCIAMO DA ALCUNE “COMMISSIONI”

Movità 1-2008 del 24 gennaio

Il tema della “rappresentanza” nel mondo del volontariato è un tema importante, discusso e di attualità. Spaventa alcuni volontari, che lo confondono forse con un “inquinamento” partitico. Fa riflettere e a volte mette un po’ in crisi chi si trova a partecipare a tavoli di confronto con le istituzioni o commissioni, come per esempio i tavoli dei piani di zona.
Per aprire una riflessione su questo tema, cominciamo dall’informazione: sapete quali sono le commissioni regionali in cui il volontariato è chiamato a presenziare e portare la propria voce? A cosa servono? Chi ci va e chi lo ha deciso?
Ne elenchiamo alcune, segnalateci se ne conoscete altre!

Commissione regionale per le politiche sociali (vedi notizia più avanti)
Istituita dalla legge 6/2006 al fine di assicurare il concorso delle parti sociali nella determinazione delle politiche in materia socio-assistenziale, sociosanitaria e socio-educativa, nonché nella definizione delle relative scelte programmatiche di indirizzo. La Commissione svolge funzioni consultive e propositive in materia di sistema integrato ed esprime parere sul Piano sociale regionale.
Vi partecipano, per il volontariato,  Sergio Silvestre e Andino Castellano, nominati dal Comitato Regionale Del Volontariato.
La partecipazione prevede un’indennità di 100 € a seduta più le spese di trasferta.

Consulta Regionale per la Famiglia

Prevista dalla legge regionale 11/2006 su “Interventi regionali a sostegno della famiglia e della genitorialità”, al fine di garantire la promozione delle politiche regionali per la famiglia e la genitorialità, con ruolo consultivo e di proposta.
Del mondo del volontariato, ne fanno parte Franco Trevisan (in rappresentanza del Forum delle associazioni familiari), Claudio Bortolotti (designato dal Comitato regionale del Volontariato). Devono ancora essere nominati tre rappresentanti delle associazioni di famiglie operanti a livello regionale, iscritte nel registro regionale delle associazioni di volontariato o nel registro regionale delle associazioni di promozione sociale (non sono chiari i requisiti per essere riconosciuti come associazione di famiglie).
Ai componenti la Consulta spetta un gettone di presenza di 100 € lordi per ogni seduta oltre al rimborso delle spese per trasferta.

Comitato regionale per la cooperazione allo sviluppo e il partenariato internazionale
Istituito con funzione di consulenza, per l’applicazione della LR 19/2000 che lo istituisce. La Giunta regionale si avvale del Comitato, in particolare, per la redazione delle componenti del programma regionale sulla cooperazione, per la redazione della relazione sull’attività, nonché per la valutazione delle iniziative degli enti locali e delle associazioni.
Ne fanno parte, ma con solo diritto di parola e con esclusione della valutazione dei progetti, Marco Iob e Giorgio Santin designati dal comitato regionale del volontariato che ha convocato le organizzazioni non governative iscritte al registro regionale del volontariato per indicarli.
La partecipazione è a titolo gratuito gratuito, è previsto il rimborso delle spese.

Consulta regionale delle associazioni dei disabili
La regione, ex LR 6/2006, riconosce la consulta regionale delle associazioni per disabili  ai fini della promozione delle politiche regionali di integrazione delle persone disabili nella società e della consultazione in materia di interventi e servizi a favore delle persone disabili. La Consulta invia un suo rappresentante anche nella Commissione regionale per le Politiche Sociali.
In essa sono rappresentate tutte le associazioni dei disabili e ha un suo autonomo regolamento. (Vedi il sito della consulta)

Comitato regionale del volontariato
Chiudiamo il nostro elenco incompleto con il Comitato Regionale che è più volte citato nelle righe precedenti. Ne fanno parte, come noto, 7 volontari eletti dall’assemblea delle associazioni di volontariato iscritte al registro regionale. Sono: Sergio Silvestre (Pordenone), Claudio Bortolotti (Udine), Antonio Maresca (Udine), Giuseppe Franco Livot (Gorizia), Claudio Sangoi (Tolmezzo), Ahamed Faghielmi (Trieste), Alda Paoletti (Trieste). Per approfondire ruoli e compiti rimandiamo al numero 39/2007 del nostro notiziario (scaricabile quì).
La partecipazione è a titolo gratuito gratuito, è previsto il rimborso delle spese.

La redazione di Info-MoVI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.